lunedì 31 agosto 2009

le poste a fine agosto

Le poste hanno deciso che d'ora in poi cambiano il bancomat e ci mettono il chip (ottimo!), e che per le operazioni online si userà un codice prodotto da un affarino che sembra un convertitore euro-lira (contenti loro...)

Mi arrivano in agosto due lettere, una che mi dice di ritirare l'affarino quando mi mandano il pin del bancomat, l'altro con il pin del bancomat. Vistosi che oggi sto a Roma ma non a lavoro... approfitto e faccio sta rottura!

Entro nell'ufficio postale quasi alle cinque (che di solito ho sempre trovato semivuoto) ed è... vuoto.. c'è una persona ad uno sportello e basta, dietro le vetrine ci sono almeno almeno 5 impiegati. Prendo comunque il bigliettino e mi metto ad aspettare. Dopo qualche minuto che aspetto, una impiegata da dietro le vetrine fa un cenno prima alla persona che nel frattempo era entrata "lei che deve fare?" e la spedisce ad uno sportello, poi a me. "devo ritirare il bancomat e l'apparecchietto per il codice", rispondo.
"ma le è arrivato il pin?" rispondo affermativamente. "Deve passare domani, che oggi non si può fare"... abbastanza scoglionato, chiedo un po' di spiegazioni, e mi dice che la carta me la può dare oggi, ma... il lettore no. Che palle, ma domani lavoro!

Vabbè, faccio il cittadino abbozzante e mi adeguo. La tipa chiama una sua collega e, dopo avermi richiesto il PIN, mi chiede il documento, la carta bancomat (con fare saccente "si chiama postamat", per me la puoi chiamare anche "uccellomat", sempre un bancomat è), e si mette a lavorare.

Metto due firme, e poi le faccio (un gG che casca dalle nuvole) "poi dovrei ritirare anche il lettore"; "ma ce l'ha la lettera?"

ANTEFATTO: in casa siamo due, deficienti, e con il conto alle poste. Lollo ha già avuto la disavventura di andare all'ufficio senza la lettera con la quale c'è scritto che si può ritirare il lettore. Badate bene che su questa lettera non c'è scritto di portarla, ed è una lettera generica senza dati personalizzati che ne giustifichino la consegna. Avendo fatto tesoro della sua esperienza, ce l'avevo dietro;

"eccola qui". La guarda per un po' mentre sudo freddo, e poi dice... "ok"... armeggia un altro po', mi da un foglio da compilare (che a lei non andava), metto due firme ed ho tutto!

Intanto dietro a me c'erano 4 persone (comunque pochissime) che non riuscivano a capire a quale sportello andare, che si scavalcavano più volte, semplicemente perchè... la furbona di prima ci aveva chiamati a voce e quindi aveva incasinato il contatore dei bigliettini!!!!!! che follia!!!

...non c'entra niente, ma tornando a casa ho visto Mentana che se ne andava in giro in bicicletta con il figlio sul seggiolino dietro... bizzarro...

2 commenti:

  1. ma non c'era maria-teresa a cui chiedere?

    io cmq sto andando avanti col pin, non sono adnata a ritirare nulla...

    RispondiElimina
  2. eh, il conto alle poste per alcune operazioni è vincolato a dove l'hai aperto, siccome io sono andato all'ufficio postale vicino casa di nonna ( ;-) )... lì son dovuto tornare!

    Il codice si può usare solo fino a febbraio o giù di lì

    RispondiElimina