venerdì 11 settembre 2009

Scotland trip - Day four

il racconto day by day del viaggio di quest'estate (foto)

Viaggio verso il profondo nord
Salutiamo il sergente, alle 8.58 (16550mi), prendiamo armi e bagagli e ci prepariamo al lungo viaggio verso John 'o Groats! A dire il vero la meta bene bene non verrà stabilita fino all'ultimo, sono in dubbio fra Thurso (che pare essere una cittadina un po' più grande), e John o' Groats (che già dal nome non capisco bene cosa sia). Propendiamo alla fine per la seconda, perchè la guida dice che da li partono tour delle Orcadi.

Il viaggio parte bagnato, dopo i primi km Eri si accorge che sul parabrezza ci sono delle strane tracce... ci fermiamo un attimo per controllare (e per fare una foto panoramica):
Ebbene sì, il parabrezza ha due piccole incrinature! Non ci spieghiamo però come sia potuto succedere... di botti sul vetro non ne abbiamo sentiti!


Il viaggio prosegue, alle 11.30 sosta pipì a Wick, poi alle 12.00 arrivo a John o' Groats. O meglio, passiamo il cartello che dice: "John o' Groats". Del fantomatico paesino, nessuna traccia. Ci fermiamo e busso al primo B&B, ma nessuno risponde. Arriviamo al secondo, entriamo nel vialetto di casa, un tipo che sta facendo riparazioni sul tetto della veranda ci indica di andare a chiedere alla casa dopo. Scendo e suono; tempo qualche secondo e un bambino di circa 8 anni apre la porta: "Ciao"; "Ciao bambino, cercavamo una stanza per due notti". Il bambino fa una faccia sbalordita come se gli avessi chiesto "quanto lo metti un rene per l'espianto?", e rientra un casa. Dopo poco arriva la madre e mi fa vedere la camera:
spettacolare!!!!!! Grande quanto casa mia, con tv piatta e salottino ed un bagno grande. Mi fa vedere anche la verandina ottagonale nella quale si fa colazione: la stanza costa 30 £ a notte invece dei 25 di Inverness e Perth, ma... la qualità è evidentemente superiore! Presa! Passeremo 2 notti nel bel B&B di Windy Ha. Dopo aver visionato torno in macchina ad avvertire Eri che restiamo (mi dava per disperso ormai).



Nelle mie chiacchiere con la padrona di casa (Catherine), le dico che l'indomani abbiamo intenzione di fare il tour guidato delle Orcadi, e ci consiglia di fare il biglietto oggi stesso per essere sicuri di trovare posto.

Dopo una breve pausa in stanza, andiamo al "centro" di J 'o G. Il "centro" è una rotonda con un orrendo tourist information, un palazzetto di qualche centinaio d'anni e il chiosco dei traghetti. A parte questo, ci sono campi erbosi. e qualche (5?) casa. Ore 12.34, compriamo i biglietti per il Maxi Tour per le Orkney ( il contachilometri segna 16671mi).



La giornata intanto è bellissima, ci dirigiamo dunque a est per qualche miglio per vedere Duncansby Head, il suo faro, e gli Stacks of Duncansby, due rocce a punta subito a ridosso della scogliera a picco sul mare; la scogliera è dimora di moltissimi uccelli che vi nidificano, passarci accanto sembra di passare vicino ad un palazzo popolare della napoli di totò: un casino di grida da un nido all'altro, genitori che svolazzano, pulci(o)ni che stanno nei nidi.



Detto questo, ci avviamo verso un altro faro. Poco dopo essere ripartiti, ci imbattiamo in due mucche delle highland: la prima sta combattendo con il filo spinato (foto1); la seconda ha già ottenuto il suo scopo (foto2): fatto passare il capoccione, mangia l'erba verde sul ciglio della strada! In breve tempo, fatte passare le lunghe corna, anche la prima mucca raggiungerà il verde agognato.



Lungo il tragitto facciamo una breve tappa al Castle of Mey. Questo è il castello preferito della regina madre, e dopo la sua morte Carlo l'ha fatto restaurare. Al suo interno ospita memorabilia relative alla famiglia reale. Va da sè che non ce ne possa fregare di meno, gli si fa una foto, si nota che il prato dove si parcheggia è meglio di quello dell'Olimpico appena rizollato, si guarda un middle-aged man che ha portato la MG a fare una sgroppatina nella sua terra natia (ha il volante a sinistra), e tanti saluti.

Ore 3.07, 16690mi, si parte verso Dunnet Head, il punto abitato più a nord della Gran Bretagna. C'è un faro e una bella vista.



Alle 3.38 ci avviamo verso Thurso. Thurso è una lieta cittadina, affacciata sul mare. Cosa c'è a Thurso? Poco e niente. In compenso dopo le 4 del pomeriggio escono tutti i coattoni del posto con le macchine moddate e si mettono a fare il giro del paese. Siccome poi il paese è piccolo, stando fermi nello stesso posto ogni 3 minuti si vede ripassare la stessa macchina. Que tristeza! La nostra intenzione era quella di stare a cena a Thurso, senza cercare ristos in altri posti, avendo già trottato abbastanza con i giri della giornata. Per fortuna che in UK mangiano presto... alle 7.01 dopo una lauta cena, i nostri eroi sono già in macchina verso casa! Ci concediamo addirittura di fare 15 £ di benza (13litri), 16707mi, e torniamo a casa per la notte.

Ecco il tragitto del giorno (mappa)!

Nessun commento:

Posta un commento