domenica 6 settembre 2009

Scotland trip - Day two

il racconto day by day del viaggio di quest'estate (foto)

Risveglio e viaggio verso le Highland
Il primo risveglio in terra scozzesa va per il meglio: le tende scure hanno fatto il loro lavoro, ci alziamo, laviamo, e ci avviamo verso il pub per fare colazione!

Appena entrati, una signora ci chiede il numero della nostra stanza (219), e ci indirizza verso una serie di tavoli dove ci possiamo sedere. Il tavolino che scegliamo è un po' piccolo, incassato in una loggetta ricavata fra una parete curva a mattoni rossi ed un palo di legno tutto bucherellato, sul pavimento, un pesante tappeto... "chissà come faranno a pulirlo", pensiamo mentre mangiamo cereali presi al buffet e beviamo cioccolato della macchinetta...

Noto che i bicchieri per i succhi di frutta sono disposti in modo carino: sono su di un vassoio circolare, a testa in giù; sopra, un altro vassoio ed un altro piano di bicchieri. Non avrei immaginato che questa disposizione sarebbe diventata da lì a breve un test d'intelligenza per un signora britannica che... ha la brillante idea di prendere un bicchiere del piano di sotto!!! Ciò fa inclinare il vassoio superiore e... CRAAASH, tutti cocci sul tappeto... brava signò, mi hai fatto capire perchè si prende prima il caffè e poi, solo a mente sveglia, la spremuta!

Verso le 9.10 usciamo, non dopo aver lasciato le chiavi al pub e (io) aver salutato il tipo del pub da una parte all'altra del bancone (io mano aperta, lui a mo' di pistola). Destination? Inverness.

Una mattina di viaggio verso Inverness
Seguiamo la A9 (la strada principale scozzese) verso nord, tragitto nel quale la strada passa da essere due corsie ad essere a corsia singola (ma per le strade servirà un post appost). Visto che la capitale delle Highlands è molto affollata, cerchiamo di partire il prima possibile per trovare posto in qualche B&B senza svenarsi.
Nei miei appuntini giornalieri si legge:
10.12 - 16359 mi in cammino;
10.25 - street a 47 mi. da Inverness: cioè qui mi sembra di aver visto nell'altra carreggiata la macchina di streetview a 47 mi da ... chissà che fra qualche mese non troviamo la foto di noi in macchina!

A qualche miglio da Inverness, sulla A9, una uscita apposta è dedicata all'ufficio del turismo! Paese civile... Tappa pipì, e poi mi gioco la carta prenotazione: chiedo al tipo dell'ufficio informazioni (una specie di pirata barbuto in pensione) se ci siano B&B a 50£ a notte. Dopo una mezzoretta di chiamate senza esito positivo, ci consiglia di andare noi direttamente sul posto (ci indica un paio di strade sulla mappa), visto che il prezzo medio dei B&B che hanno in convenzione è maggiorato perchè... si devono pagare i controlli di qualità!

Partiamo a razzo, arriviamo ad Inverness, facciamo le tre rotonde in sequenza che nei giorni successivi ci diventeranno familiari, arriviamo in Kenneth Street. Avanziamo piano, leggo un paio di "no vacancies", poi finalmente un "vacancies", mi fiondo. Vengo accolto da un panciuto signore di mezza (famo tre quarti di) età, che a parte l'aspetto mi pare tutt'altro che rassegnato alla pensione. mi mostra una stanzetta 3x3 in un sottotetto veramente deliziosa, bagno in comune, "how much per night?" "25£ per person". Gli dico che ci vorremmo stare due notti (che oltretutto i B&Bari preferiscono), e camera presa. Faccio parcheggiare Eri immediatamente di fronte a casa, al posto di quello che in altri palazzi intorno è un giardinetto, e ci sistemiamo un po'.

Le due foto qui accanto sono la vista dalla finestra e la vista della finestra della nostra stanza. L'albero che si intravede nella prima ha appesa, fra le fronde, una gabbietta con dentro del cibo per uccellini. L'indomani ci saranno una 30ina di uccelletti che ci casineggeranno intorno... how bucolic!

Never stop: Urquhart Castle
Siccome in questa zona ci sono un sacco di cose, ci mettiamo subito in cammino per andare a vedere il Loch Ness, nel punto più affascinante ovvero l'Urquhart Castle!
Proseguiamo per l'A82 fino a costeggiare un buon terzo della lunghezza del lago, con un paio di soste (bagnate) in piazzole panoramiche, per arrivare al castello.

12.59 - 16433 mi. 1/2 tank Urquhart


Il castello è ormai diroccato (visto che fu fatto saltare per non farlo cadere in mano ai giacobiti), ma la visita è affascinante, considerata la sua posizione con una stupenda vista sul lago, ed il tempo very british (un po' di pioggia ed abbastanza vento) è comunque molto intonato. Dopo un po' fa la sua apparizione un timido sole, quel poco che basta a far sì che i colori spenti e poco saturi del paesaggio diventino un verdone smeraldo per l'erba e un blu oltremare (oltrecastello?) per l'acqua.


Una puntata al gift shop (in scozia stanno avantissimo) dove acquisiamo il ditale per la EriMà, un anellino x Eri ed i biscotti al burro, che d'ora in poi saranno (uno al giorno) il nostro pranzo in scozia (sto mangiando l'ultimo or ora).

14.20 si torna ad Inverness
Sulla strada ci fermiamo un attimo a fare la foto al castello da lontano:

Inverness' shopping
Parcheggiamo al B&B e ci avviamo per far due passi per Inverness, paesotto molto molto gradevole. Basti dire che nonostante la mia fobia per gli acquisti e per i centri commerciali, ho molto apprezzato i quattro passi fatti per comprare shampoo + bagnoschiuma (4,28 £), un fagottino ripieno di Haggis (2 £, a gG serviva il contentino), un adattatore per le prese elettriche (4 £), due CD per il viaggio (raccolta Pogues e Galipaygos, 12 £). Gli ultimi due acquisti son stati fatti al Victorian Market, centro commerciale di epoca Vittoriana, molto carino, con un'atmosfera da Diagon Alley ed un trenino elettrico che viaggia su binari sopra le vetrine dei negozi.

Dopo un po' di giri per capire quanto costino i kilt (TROPPO!), facciamo una pausa al B&B, poi si riesce per andare a cena al the room (28,09 £), locale un po' fighetto ma con buona musica, cameriere gnocche, free wi-fi. Mangiamo un hamburger, una cosa di maiale che non ricordo, una cheesecake, un gelato al baileys, una tennents, e via.

Degno di menzione il coraggioso che alle dieci di notte pesca con le galosce nel fiume Ness... Chissà se ha mai pescato i piccoli di nessie....


Ecco il tragitto del giorno (mappa)!

Nessun commento:

Posta un commento