martedì 6 ottobre 2009

Mademoiselle Anne

Mademoiselle Anne è un'opera di Waki Yamato iniziata nel 1975.
L'ho conosciuto sotto forma di anime più o meno quando facevo le medie. Lo mandavano su Europa7 (TMC ? o su Super3 ?) e catturò la mia attenzione per il lato comico della protagonista.
Sullo sfondo della prima Guerra Mondiale una ragazza un pò insolita intraprende il suo cammino "fuori dalle righe". Intraprendente, testarda, casinista, poco portata per la scuola e grande bevitrice. Ma buona di cuore, generosa, leale, fedele.
E' molto divertente, mi è piaciuto sin dall'inizio. Per questo l'ho visto e rivisto. Ho comprato un'edizione recentissima (della Panini) che comprende anche delle piccole storie autoconclusive.
gG era talmente incuriosito da questa fantomatica "madmuaaaaseeeeeeeell" (mi prende in giro per la sigla di apertura) che ha finito per leggerlo anche lui. Non ho ancora capito se gli è piaciuto o meno! :D
Ammetto che essendo un shojo è in realtà dedicato ad un pubblico prettamente femminile... Mi sento però di consigliarlo ugualmente perché molto (troooppo) divertente.
Poi, fate vobis!

Accenni di Trama
Anne Hanamura (nell'anime), o Benio Hanamura (il nome originale nel manga), si ritrova improvvisamente fidanzata con un damerino di nobile famiglia, militare dell'armata imperiale. Un fidanzamento deciso dai nonni dei giovani (una promessa quando furono costretti a separarsi) che la ragazza rifiuta di accettare. Il promesso, Shinobu Yuin, è un ragazzo carino, elegante, istruito. A confronto lei fa continue pessime figure.
Ovviamente la storia non fila affatto liscia tra fughe, amicizie, combattimenti, lezioni di buone maniere, lavoro e... beh, a voi il seguito!

6 commenti:

  1. direi di si, gli attori sono convincenti, giusto l'interpretazione di lady oscar questa volta nella parte maschile mi ha lasciato un po' perplesso... :P

    RispondiElimina
  2. è troppo fico Shinobu! :)

    RispondiElimina
  3. in Italia il manga è stato pubblicato con il nome "una ragazza alla moda" o qualcosa del genere. Anche io ero una fan della giovane ragazza che si ritrovava nelle situazioni più assurde e con amici di uno strampalato mai visto: dal venditore di oden, che la prende come capo non ricordo come, all'amico omosessuale, bellissimo ovviamente.... risate assicurate, il manga non l'ho letto quindi non so... il cartone animato, perchè è un cartone animato, basta chiamarli anime che non vuol dire nulla, è spettacolare con una bellissima colonna sonora. Musica così in questi ultimi anni non se ne è più sentita... un vero peccato!

    RispondiElimina
  4. 'anime' è + corto... ci metto di meno a scriverlo, rispetto a 'cartone animato'. Non mi va di scrivere 'animation' all'inglese o 'animazione' in italiano.
    Ma che t'ha fatto la parola 'anime'?
    Dimmeloooo che lo voglio sapere!!!

    RispondiElimina
  5. Note per ciccio:
    - Ushigoro era il teppista che inconstrano quando Anne-Benio scappa di casa con Ranmaru. Lui vuole assalirle (crede siano due ragazze) ma Anne lo pesta di botte, così lui riconosce la sua supremazia e la chiama "capo".
    - Ranmaru è l'amico di infanzia di Anne, innamorato di lei sin da piccolo. E' un famoso attore-danzatore che recita le parti femminili nel teatro kabuki (e quindi risulta + femminile della protagonista). Non direi però che è omosessuale

    e poi non aggiungo altro, sennò svelo la storia!!!
    Leggetelo o guardatelo perché merita!

    RispondiElimina