martedì 26 gennaio 2010

London bridge is falling down...

The trip

è venerdì mattina, alle nove e mezza si prende il treno.
è venerdì mattina, gG prende la metro e va verso la stazione.
è venerdì mattina, Eri prende il bus e poi la metro e va verso (un'altra) stazione.

è venerdì un po' meno mattina, gG dopo aver fatto 3 biglietti (uno roma-fiumicino, due fiumicino-roma per il ritorno), chiama Eri: non prende. Ri-chiama Eri: squilla ma Eri non risponde. Arriva il treno. gG ri-richiama Eri: "i biglietti per il ritorno li ho presi io, non ti venisse in mente di prenderli!"; ella rispuose: "ma non dovevi fare per me anche quello dell'andata". Chi abbia ragione e chi abbia torto poco importa, fatto sta che all'arrivo del treno in stazione, dove Eri doveva raggiungermi dentro al treno, sono stato con un piede sulla porta ed uno fuori finchè non l'ho vista spuntare dalle scale di corsa, dopo aver comprato il biglietto. Pfiuuuuuuu.

Il viaggio? comodo comodo, voliamo british airways (comodi!), atterriamo a Heatrow, dove prendiamo la Piccadilly line, poi la Jubilee e siamo a Baker Street, dove, dopo uno squillo, ci viene a prendere Pavelo! Giubilo e soddisfazione, baci e abbracci, buttiamo con sprezzo i bagagli a casa sua (dall'alto della sua magnanimità ci ospita e ci porta a magnà, e per questo lo ringraziamo), gettiamo un bel pezzo di guanciale in frigo e corriamo al British Museum.

The first Day

Qualche giorno prima, Pavel ha preso tre biglietti per il British Museum, per andare a vedere la mostra sugli Aztechi. Con l'occasione possiamo vedere la prima delle varie opere di Foster & Partners che insieme al cibo saranno un po' il leit motiv del w-end. È la copertura del cortile del british.

La mostra è piccolina, stipata di gente (è la vigilia della chiusura), ma ce la godiamo, grazie anche al fatto che Paolo, di recente tornato dal Messico, ci evita la lettura dei pannelli illustrativi raccontandoci la storia degli Aztechi (voi Pavel non l'avete e la leggete qui), sulla scelta del luogo dove fondare Technoticlan (oggi Mexico City), sul fatto che gli Aztechi si chiamavano con il nome di Mexica, sul fatto che avevano delle abitudini bizzarre che comportavano l'asportazione di cuori a persone ancora vive per guadagnarsi il favore di dio, sul fatto che quando arrivò Cortes lo presero per il loro dio, visto che era pari pari a come lo descriveva la leggenda... etc etc etc. Le maschere cerimoniali sono stupende, i monili d'oro altrettanto, peccato non poter fare foto! Vi allego questa imago da wikipedia:
Usciamo dal British (dove eravamo arrivati trafelati) per correre da un'altra parte: al municipio!

Al municipio



Con un po' di premura andiamo a vedere un'altra malefatta di Norman Foster: il municipio di Londra (da alcuni simpaticamente e raffinamente soprannominato "Norman's testicle"). Siamo di premura perchè la guida dice che si può visitare fino alle 20, da lunedì a venerdì. Ci facciamo una bella e piacevole (nonostante la pioggerella) passeggiata sugli argini del Father Thames, fino ad arrivare al suddetto: proviamo ad entrare ma... appena entrati dalla porta girevole, 90 chili di muscoli albionici ci fermano; le visite sono possibili fino alle 18, questa sera è aperto ma per un evento ad inviti che... non ci vede invitati, sigh. In teoria dovremmo vedere una scalinata che sale spiraleggiando secondo un asse obliquo... In pratica ci viene mostrata la porta.

Ci accontentiamo di andare verso la torre di Londra, prendere la metro ed andare a mangiare! Dove siamo andati? da Sausages & Mash!


Finita la soddisfacente cena, siccome non ci abbastava, ci avviamo verso il cetriolone sempre costruito da Foster, ad oggi l'edificio più alto della città. Qui sopra potete vedere un paio di foto dei dettagli ed una foto che include anche il palazzone che ha progettato dopo...

Stanchi ma felici, riprendiamo la metro e torniamo a casa... Stanchi? si, stanchi, lo ripeto perchè son due giorni che siamo tornati e sono ancora stanco, tanto che volevo fare un post unico per londra ed invece lo spezzo, sono riuscito a fare solo la prima mezza giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento