venerdì 12 marzo 2010

kusturica's style

Stamattina levataccia, per fare tutto quel che dovevamo fare prima che partisse lo sciopero alle 9.30.

D'un tratto, passando per via Tiburtina, abbiamo visto una pasticceria/forno che ci ha molto invogliato. Entriamo dunque, sulla sinistra c'è un megabancone con tutte pastarelle in batteria, dietro ad esso pane su pane, davanti un altro bancone con i vari lieviti in mezzo, e la pizza in fondo a destra, dietro ad esso dei forni elettrici e sopra un megaschermo.



Mentre di solito in questi posti la tv manda cose allucinanti (cioè i programmi di rai1 della mattina), qui vanno a rotazione le immagini di 3-4 telecamere sparse in varie parti della (sterminata?) cucina. Prendiamo due cornetti con la crema, un caffè ed un latte macchiato. Il caffè era molto buono la pasta dei cornetti... ni, ma la crema dei cornetti era molto molto buona, leggera (tipo chantilly) ma veramente gustosa.

Ciò fatto torniamo verso casa (spesa), e poi a prendere la macchina. Camminando, attraversiamo via nomentana, e.. comincio a sentire musica davanti... Si sente un bel po' forte, sembra provenire proprio dal mezzo della strada... una serenata? in piena mattina??? una serenata di un pensionato ad un'altra pensionata???

Procediamo ancora... e pare di entrare in un film di Kusturica: in una strada bene, con tutto sommato pochissimi passanti, procedono lento pede due zingaroni, uno con la tuba e l'altro con la tromba, uno si porta dietro un carrellino con una cassa, e intonano una fantastica when the saints go marchin' in... troppo fuori posto, troppo anacronistici, troppo bbelli!!!!

Gli lascio un euretto, e gli faccio una fotella!!!

Nessun commento:

Posta un commento