sabato 24 aprile 2010

Toros y Tapas

dove: Via Nomentana 79, Roma (cioè qui)
quando ci son stato: ieri (23 aprile 2010);
come ho mangiato: molto molto bene;
quanto si spende: noi circa 27 € a testa.



uuuh, quant'è che non faccio le recensioni dei risto, sarà che è stato un periodo un po' frenetico @ work? Oggi riparto con una cosa facile perchè ci sono stato ieri: il ristorante Toros y Tapas (tutto da visitare il sito in stile primi anni '90).

Questo è il ristorante che avevo consigliato al gruppetto che era andato a Madrid in occasione della cena-rimpatriata un mesetto fa (l'ho consigliato senza esserci mai andato!). Loro son stati soddisfatti quella volta... noi?

...oddio, ho detto che siamo andati a Madrid, mi devo aspettare una denuncia? :)

Ieri sera pioveva (e quanto pioveva!), scesi dal 61 a piazza di porta pia ci siamo subito avviati verso il ristorante, senza aspettare quei ritardatari dei nostri commensali, che sarebbero poi arrivati con poco meno di mezz'ora di ritardo. Arrivati davanti al locale, son passato davanti alla vetrina e sono entrato nella porta successiva, in un ristorante che aveva un odore molto forte di curry... molto candidamente faccio al cameriere: "oddio ma questo non è il ristorante spagnolo?", mi volto e leggo, al contrario, nella vetrina "ocruT"... e ho capito che quella vetrina che avevo sorpassato prima era in realtà tutto il risto spagnolo...

Il ristorante è piccolo e molto colorato, i tavoli son sparsi qua e là e molto spagnolamente il piano dei tavoli è coperto di majoliche dalle fantasie molto varie.

Mentre aspettiamo ordiniamo un litrozzo di sangria (traditorisssima) e studiamo i menu.

La prassi in questo ristorante è più o meno ben definita: si ordinano tapas a volontà nell'attesa che il riso sia pronto e arrivi la paella (dichiarano una attesa di 20/30 minuti).

Allora senz'indugio alcuno ordiniamo paella valenciana per 4, e quattro tapas:
Eri: "per me la torta di pasta di pane
Cameriere: "ah, l'empanadas?"
Eri (dopo un attimo di esitazione): "...nono, senza banana"
...dopo un attimo di gelo basito, realizziamo il misunderstanding, diciamo ad eri che non si deve preoccupare e l'empanadas non avrà contorno di banana, e prendiamo i seguenti tapas:
EMPANADA DE ATUN Y VERDURAS: Torta di Pasta di pane ripiena di tonno e verdure al forno: quella che ha ordinato eri e che poi non ha mangiato, una torta rustica ripiena di tonno al sugo con verdure varie (inclusi peperoni e zipolle, da cui i problemi)

PULPO A LA GALLEGA: Polpo con olio extrav., sale grosso, paprika su una base di patate: molto buono, polpo tenerissimo.

GAMBAS AL AJILLO: Gamberoni sgusciati all'aglio: gamberi che navigano in un dito e mezzo di olio sfrigolante all'aglio. niente male.

CROQUETAS DE JAMON PATA NEGRA: Crocchette di prosciutto pata negra: crocchettina di patate e formaggio con in mezzo pezzettini di prosciutto; ne abbiamo prese due porzioni, una era il ripiego di eri dopo la delusione della empanada... quindi son piaciute, almeno queste :)



e poi arriva la paella, in un tegamone basso di alluminio che mettiamo a centro tavola: piena di cozze e gamberoni, molto buona! La sorpresa di addentare un chorizo insieme ad una vongola è sempre impagabile! Veramente vale la pena!

Poi dolci, io la copa toros y tapas, crema con noccioline e cioccolato, due creme catalane e una specie di panna cotta con frutti di bosco, quasi uno yoghurt cotto...

poi ho chiuso con un liquore alle ghiande e tanta soddisfazione!

questo risto ed altri sull'apposita mappa.

4 commenti:

  1. vero, era veramente buono!
    gnam gnam!!!

    grazie ancora per il consiglio!

    RispondiElimina
  2. OTTIMO... l'altro ieri ci sono passato davanti e mi sono detto: "ma gg me lo aveva consigliato... ci andrò quanto prima!"
    beh... almeno ci sei ANCHE andato...
    pulpo a la gallega...buoooonooooo

    RispondiElimina
  3. per la cronaca applausi anche alla cameriera spagnola!

    RispondiElimina