mercoledì 2 giugno 2010

Akropolis

dove: Via San Francesco a Ripa 103, Roma (cioè qui)
quando ci son stato: ieri (1° giugno 2010);
come ho mangiato: na spanzata!!!
quanto si spende: 20 euri a testa.
sito web: questo


Visualizza ristos map in una mappa di dimensioni maggiori


Ieri, con la lieta scusa di festeggiare il Dottor Lucone, una mandria di fisici, qualcuno con accompagno (Eri era fra questi), ha espatriato attraverso un varco spazio-dimensionale da trastevere direttamente in terra greca per mangiare tzaziki, moussakas ed altre amenità.

the pomerigg

Io ed Eri abbiamo approfittato della bella giornata e abbiamo fatto un giro per trastevere pomeridiano, prima che si scatenasse la bolgia della sera prefestiva. Abbiamo seguito il percorso classico S.M.inTrastevere->via della scala->Piazza Trilussa, con soste alla pizzeria gianni 3 e a comics boulevard (con annessa spesona in attesa che a metà giugno vengano a San Lollo), e ci siamo parcheggiati sotto Trilussa, dopo aver sorpassato un capannello di gente all'edicola.

'sto capannello di gente sostava in ammirazione di un signore col paletot scuro, intento ad osservare un non meglio identificato stand con dei giornali. Chiaramente era il set di un film, a giudicare dagli scatoli e scatoloni poco più in là nella piazza. Di che film si trattasse (habemus papam) l'abbiamo capito quando dopo poco è spuntato un nervosetto Nanni Moretti che, dopo aver osservato le riprese, se ne è andato per via di ponte sisto (foto sotto), è tornato dopo un po' ciancicando qualcosa in bocca, ha urlato un lamentoso "sse vedemo llà allora" al gruppo riprese, e se n'è ito definitivamente.


Fattesi le sette, siccome avevo capito che Paolo (our cheerful host in London last January) arrivava un po' prima, lo chiamo, e dopo un tre quarti d'ora ci becchiamo a piazza S.M.inTrastevere (dopo esser passati davanti a questo negozio), con anche Luca&Rosita. Passiamo a fissare il tavolo al ristorante, poi birrino con mago guarda incluso.

Torniamo infine trotterellando davanti al ristorante, dove Rick e Pavela ci stavano aspettando, e dove ci raggiungono in breve tempo anche Fabio1&Ambra, John e Fabio2 (non annunciato!!).

let's talk about the ristorant nau

Va bene, va bene, parliamo del ristorante. La nota più "dolente" ve la sparo subito: non si può prenotare, ed il locale è piccolissimo! Nonostante avessimo fissato il tavolo per le 9, prima delle 9 e 40 non ci siamo seduti, proprio quando stavamo per disperare. Ecco, finite le note dolenti per questo post ^_^.

Ci sediamo al tavolo, nel locale arredato in maniera semplice e vagamente casereccia (come ci piace a noi), e una volta passato l'effetto subliminaki, ci concentriamo sul cibo. Io ed Eri prendiamo:
MOUSSAKAS, che poi mangerò solo io, molto particolare, composta, dal basso verso l'alto da uno strato di melanzane, poi 4 cm buoni di altezza di macinato (con sospettiamo della noce moscata) e sopra un dito di besciamella bella ritirata (con sospettiamo della cannella), servito su di un po' d'olio condito ROVENTE, strano e buono; un SOUVLAKI PITA di pollo, cioè una pita con tre spiedini di pollo (un po' secco) e contorno di pomodori, tzatziki (non molto agliato!), patatine fritte e cipolle (che se le so tenute loro); BIFTEKI PITA, stesso arrangiamento del piatto precedente, ma invece che essere spiedini di pollo sono di macinato di manzo, speziato con delle erbette ed arrivato rovente, buono!

Al tavolo ho visto girare polpette di melanzane, assaggi di salsette (buona quella alle melanzane spalmata su un pezzo di pita), una TIROPITA (raviolo di pasta sfoglia al forno con feta e ricotta), assaggiata da Rick, un paio di TIROKAFTERI (salsa piccante di formaggio feta e ricotta), e qualche GYROS PITA.

Da bere, acque in bottijetta, sia frizzanti che naturali, una boccia di Retsina ed una di vino rosso che non mi ricordo il nome (e che ho giusto assaggiato essendo in moto).

Il servizio non è il massimo della velocità (la mia bikfteki è arrivata per penultima ç_ç, le patatine di John praticamente con i dolci), ma penso sia dovuto al fatto che la cucina è piccola come il locale, quindi loro preparano quel che riescono e mandano in tavola, non il massimo ma meglio che fare attese di ore tutti a digiuno e poi mangiare tutti insieme. Almeno così si assaggia dai piatti degli altri (anche con molto entusiasmo, vero Rick?), chi non mangia parla e chi mangia ascolta, ce s'accommoda insomma!

Il padrone del locale è un signore greco ben piazzato che si aggira per il locale con una faccia burbera un po' tipo il padre della sposa del "mio grosso grasso matrimonio greco", in giro per il locale si aggira il figlio e un altro ragazzo sicuramente greco.

Ah, mi scordavo, i dolci!! Io ed altri abbiam preso delle BAKLAVAS, buone anche se quelle che mangiavo a parigi sono imbattibili, al tavolo ho visto due bei KATAIFI e KATAIFI con yoghurt e miele.

Le buone notizie sono continuate con il conto, con 20 euro a testa c'è uscita anche una buona mancia, oltre a 11 stomaci del tutto stipati di cibo! Il resto ci è arrivato senza l'elenco dei piatti, per cui sono andato a richiederlo al padrone. L'aveva però già "archiviato", quindi... ha messo il suo zampone nell'"archivio" e me l'ha riconsegnato. Eccovelo (ci hanno offerto anche i caffè!):


La nota forse più positiva è riferita al figlio del padrone, che ci ha rincorsi per strada per restituirci una banconota da 20 euro che era rimasta sul tavolo. E' una cosa normale, dovrebbero farlo tutti, ma siccome non lo fanno mai quando succede è sempre una cosa bella.

questo risto ed altri sull'apposita mappa.

1 commento:

  1. ma non hai detto come ci siam arrivati a trastevere:
    mi sei venuto a prendere a lavoro con BU!!!!!

    RispondiElimina