sabato 19 giugno 2010

torta rustica, delusione

ce l'eravamo studiata per bene
alle 18 ci appropinquiamo a preparare una torta rustica (da molti detta quiche, anche se in realtà quest'ultima andrebbe fatta con la pasta brisée) con i seguenti ingredienti: spinaci, mozzarella e guanciale a dadini
il piano è di cuocerla subito e di farla asciugare all'aria per bene, visto che la mozzarella rilascia sempre molto siero

e così facciamo

ordiniamo della pizza (convinti di mangiare sia questa che la sfoglia, cosa che ovviamente non faremo)
ceniamo con la partita in corso (il camerun è in vantaggio)

ad un certo punto si sente un rumore di buste
sara scatta e corre in cucina
io e gG la sentiamo correre per tutta casa, passando da un ambiente all'altro tramite il corridoio o il balcone
io vado in cucina
sara e gG nn hanno ancora visto quello che sto guardando io

una zona della torta rustica senza la sfoglia di copertura superiore...
NOOOOO
gG accorre: la torta è stata violata!

mentre mi accingo a togliere tutta la parte superiore (cioè, tutta la sfoglia bella cotta e abbronzata grazie all'uovo che avevo sapientemente spalmanto) e a buttarla al secchio, la sorella si impegna (una volta afferrata) a sculacciare la belva, che di risposta graffia, miagola e cerca di scappare
delusione generale per aver dovuto rinunciare alla crosta superiore!


nascondo la torta rustica in forno e vengo a scrivere questo post
sigh

3 commenti:

  1. eh, ma dopo l'espisodio del riso dovevi aver imparato qualcosa :-)

    (non so in che modalita' vada il verbo, vabe')

    RispondiElimina
  2. hai ragione pure te... ma la cosa + sconcertante è che il gatto era con noi in salotto, guardato a vista... e un attimo dopo siamo scattati al rumore in cucina... c'ha battuti sul tempo!

    RispondiElimina