giovedì 8 luglio 2010

manga 2

I giapponesi sono più furbi: loro non stanno a badare troppo alla precisione. Cioè, lo fanno, ma (stranamente) non sono maniacali come da noi.
Loro sono autori a tutto campo: creano il personaggio e la storia. Si presentano dall'editore. Questi accetta (o no) in base alla storia e al personaggio. Non si fa tutte le complicazioni mentali che accadono qui.

E se lo dice un mangaka professionista che ha lavorato sia qui che lì, io ci credo.


Lo ammetto: la prima lezione m'ero un pochino preoccupata...
Primo.
Innanzitutto lì dentro hanno tutti minimo 10 anni meno di me; in particolare, la ragazzina accanto a me ha appena finito la terza media... Meno della mia metà!!! I genitori che li aspettano a fine lezione... AIUTO!!! Forse una ragazza supera i 20 anni, ma potrei ingannarmi.
Secondo.
L'ultima oretta la maestra Yoshiko ci fa disegnare il model sheet. Tutti 'sti 'gggiovani che subito si mettono a disegnar corpi... e io lì come 'na vecchia che faccio proprio qll che la maestra c'ha detto: la riga verticale per la spina dorsale, disegno la testa e poi riporto tante righe orizzontali distanti tanto quanto lo spazio occupato dalla testa. E poi vado col corpo... maschile! mi accorgo dopo un pò che effettivamente non mi ricordo per bene com'è fatta la muscolatura... e penso che sono stata una sciocca a non disegnare un corpo femminile, decisamente molto + semplice!

Insomma, torno a casa parecchio pensierosa e mi dico che, "classe" a parte, ho imparato cmq qualcosa di utile!

Martedì sera ho dovuto rifare il model sheet. Ho preso un manuale con la figura di un uomo di fronte e mi sono ripassata i muscoli...
L'ho rifatto + bassino: 7 teste totali invece di 8. Ho deciso di disegnare un corpo giovane (+ semplice e meno muscoloso) invece di quello di Ryo Saeba (1, 2 e 3). Non m'ero resa la vita facile... lo ammetto...

La seconda lezione è stata già + semplice!
Abbiamo dovuto disegnar in classe la stessa figura da dietro, di profilo e di 3/4. Ho fatto le prime due, lasciandomi per casa l'ultima.
La maestra Yoshiko gira spesso per i tavoli, per guardare e correggerci. Mi ha controllato sia la figura di fronte che di spalle. Poi è ripassata mentre facevo il profilo.
Ebbene, me la sono cavata egregiamente. Vabbé, di spalle era abbastanza facile, visto che è come il davanti. Non mi ha commentato il sedere e direi che è buon segno, visto che a tutti i 'gggiovani diceva: 'dovete guardare i sederi della gente, di vostra madre, ecc e vedere come sono, dove si attaccano...' (vi lascio immaginare le risate a sentire questa giapponese in italia da + di 30 anni parlare con espressioni romane di culi...). Mi ha controllato la postura del corpo di profilo e mi ha detto che andava bene.
:D
Insomma, mi sono un pò ripresa: questi 'gggiovani erano partiti sì a disegnare, e da lontano sembrano tutti belli e perfetti... ma quando guardi bene il model sheet vedi che sono un pò troppo... come dire... frettolosi...
Nel mio non c'è il volto, né alcuna espressione facciale. Le mani sono a pugni, senza indicazioni delle dita, i piedi sono accennati quel tanto che basta. Eppure è dritto e proporzionato: simmetrico rispetto all'asse, gomiti all'altezza della vita, polso a quella del cavallo, ginocchia a metà gamba.
Ed effettivamente il risultato mi piace!

lo so... non ci posso far nulla... sul disegno ho un orgoglio troppo accentuato! e + che per i giudizi degli altri, ho paura del mio...
non sono tra quelli che la maestra Yoshiko imita così: 'ah, quanto sono bravo, guarda che bello il mio disegno'
non sono nemmeno per la perfezione, visto che è difficile esser perfetti
sono per l'armonia del risultato, sono per la bellezza intrinseca nella figura. Insomma, mi deve piacere, secondo il mio (in)sindacabile gusto
:P


N.B.: la maestra Yoshiko ha detto che il famoso manichino di legno possiamo anche buttarlo al fuoco (testuali parole) perché l'attaccatura delle gambe è sbagliata...
che donna! :D

4 commenti:

  1. meno male che non serve... non l'ho mai avuto!
    :P

    RispondiElimina
  2. ma che bello questo corso che stai facendo! forza erika!!!

    RispondiElimina