martedì 7 settembre 2010

Ojos de brujo, il concerto

Grazie alla segnalazione di una chensuiling, nel corso dell'estate scopro che al festival semintesta, giunto al 10° anno di rispettosa e onorata attività senza che ne sentissi mai parlare, suoneranno gli ojos de brujo!

Domenica scorsa dunque, lasciato solo un po' da tutti, mi avvio da casa di Eri a cavallo di buu alla volta di Frascati.

Arrivato in pochi minuti all'imbocco della strada dove si entra nella villa dove ci sarà il concerto, una signora pulotta municipale mi blocca, insieme alle varie macchine.

"ma il concerto è di là" le faccio, con aria compassata (anche se con il casco non credo che l'aria compassata si noti poi sto gran chè).

"sì", mi risponde titubante.

"ma non si può passare?" faccio io, con aria sempre compassata ma ammiccando in maniera impercettibile (soprattutto perchè c'è sempre il casco, che è integrale, badate bene).

"eh no...", poi, con un gesto conciliante: "va bene, passa, ma fà attenzione che è contro mano".

E io attenzione ne faccio, percorro quella manciata di metri che mi separa dall'ingresso, parcheggio, bloccasterzo, pago il guiderdone all'entrata (15 €), faccio un giro arricchito da un panozzo (ciabatta actually) con sarsiccia, pomidori, 'nsalata, senape e ketchup (4 €).

  Essendo solo, mi aggiro per un po', portando comunque il massimo disinteresse alle bancarelle, a parte quella che promuove l'acqua dei nasoni, dotata ovviamente di fontanella funzionante per il pubblico.

Il concerto si prevede inizi verso le 21.30, ma mai nel nome del cielo mi aspetto che inizi prima delle 22; verso le nove e mezza però, un gruppetto di quattro scalmanati che si autodefinisce "massive pulse" sale sul palco secondario e comincia a fare della buona cagnara: cross-over da (credo) grottaferata! qui accanto trovate due tracce che hanno messo su jamendo, devo dire proprio niente male, nonostante il crossover di per sè non mi dica molto.

Pochi istanti prima delle 22 i buoni massive pulse, dopo aver mosso una 50ina di ascoltatori molto soddisfatti della esibizione, salutano tutti (accompagnati dal fonico che agita vigorosamente le mani perchè il tempo è finito) e invitano a girarsi per andare al palco principale; gli ojos de brujo stanno per iniziare.

Il concerto si apre con la corista che balla a passi di flamenco di fronte al palco (da notare che ha una pedana amplificata e quindi i colpi di tacco sono amplificati ^_^) e in poco tempo il palco si anima anche con la cantante, vestita nel suo stile caratteristico, bassista e batterista, vesti molto banalmente ma bravissimi come tecnica, il chitarrista, uno spagnolone tozzo coi capelli lunghi mossi, un cubano alla tastiera e tromba, il rappista percussionista.

Sì, rappista, perchè lo stile del gruppo è "hiphop flamenkillo" come loro stessi lo definiscono. Direttamente da youtube, ecco un video di una delle prime canzoni:

Il concerto dura fino a mezzanotte, ora dopo la quale presumibilmente non si può andare per quiete pubblica... certo se lo facevano iniziare prima, il concerto, magari suonavano di più! Vabè, lo spettacolo è comunque ottimo, non fanno uno dei miei pezzi preferiti (video in calce), ma fanno molte canzoni che conosco, come anche ventilaor r-80, dove a metà canzone fanno salire sul palco persone dal pubblico per ballare! In brevissimo ci sono 40 pischelli a fa cagnara in mezzo a loro!


Uscito dal concerto, mi riavvio verso buu, e ci trovo vicino una yamahona parcheggiata. Mi chino fra le due e penso "certo che se mo arriva il padrone della yamaha, se fa rode er culo perchè pensa che jela sto a fotte"; mi alzo con il mio bloccadisco bene in vista e... TANA! Il padrone della moto, che, un po' spaventato, mi esclama qualcosa del tipo "ah, non sapevo proprio che avrei fatto, avvicinandomi ho visto qualcuno che armeggiava li sotto...".

Dopo essermi congedato amichevolmente, riplano a Roma e buonanotte!!

1 commento: