lunedì 31 gennaio 2011

boef bourghignonne de no antri

Qualche tempo fa siamo rimasti incantanti davanti al film "Julie & Julia", come tra l'altro abbiamo già avuto modo di scrivere, e probabilmente è proprio grazie a quel film che a cavallo fra 2010 e 2011 s'è scatenato il delirio cuciniero funesto per cucina e stomaci.

Fra le varie ricette su cui Eri aveva puntato gli occhi, c'era questa fantomatica
Boeuf Bourguignon. Sabato al super ho visto un po' di spezzatino e ho pensato che forse potevamo farci un tentativo.

Poi guardo la ricetta, che trovate a quel link più sopra, e.... ma troppa robba!! A seguire quella ricetta sarei dovuto stare tutto il giorno a cucinare... e poi tutti quegli ingredienti ma chi cell'ha!

Invece quelli che avevano erano na boccia de vino, un po' di pancetta di puccello de amatrice (quello allevato a mele selvatiche) e la carne comprata. Ecco i primi due protagonisti:
Ecco la carne che salta gioiosa in olio + grasso della pancetta che è appena transeunta nel medesmo padellino:

Ecco la carne (infarinata) che si unisce alla pancetta e alla cipolla e alla carota saltate tutte nel padellino di cui sopra:

Ecco il vino garrulo che va a coprire i misfatti:

Ecco la broda di dado (na shiccheria) che va a coprire i misfatti e il vino:

Ecco che dopo 1 ora e 40 minuti di forno gli si accostano delle zucchine anch'esse passate per il suddetto forno e se magna con piacere!!!

domenica 30 gennaio 2011

Camelot 3000

Camelot 3000 è un fumetto americano scritto da Mike W. Barr e disegnato da Bian Bolland, pubblicato in 12 numeri tra il 1982 e il 1985.

Ho comprato quest'edizione Magic Press cartonata del 1999 sabato 15 gennaio, quando io e gG siamo andati a trovare Ciccio in fumetteria. Avevo già adocchiato il volume molto tempo fa, quando il Comics Boulevard era a trastevere. Ero però sempre un po' indecisa, non sapevo se mi sarebbe piaciuto o meno... Poi, 2 settimane fa, l'ho rivisto per caso in mezzo a tanti altri e mi son detta "è ancora qui, forse aspettava me: si vede che è destino", ed è stato mio.


La storia, come si può facilmente dedurre dal titolo, è ambientata nell'anno 3000. Tutta la terra è sotto invasione da parte di alieni che non fan prigionieri. Il giovane Tom sta tentando una fuga con i suoi genitori quando una navicella fa saltare in auto il loro veivolo. Unico sopravvissuto, tenterà riparo in Glastonbury Tor, dove sono in atto scavi archeologici. Braccato da 3 invasori, finisce contro una grossa bara di pietra: ne solleva il pesante coperchio con la speranza di rifugiarvisi dentro e viene accolto da una regale voce che gli domanda:

"Per quanto tempo... per quante notti ha dormito Artù Pendragon, Re di Britannia, Signore dell'Impero Romano?"

Si, proprio lui, l'unico e vero... Re Artù!
Il secondo passo è andare a cercare Merlino, mentore del giovine Artù. Ovviamente, non può mancare la famosissima Excalibur, che deve tornare al suo legittimo proprietario. Per quanto riguarda la Regina Ginevra e i fedeli Cavalieri della Tavola Rotonda, essi si sono reincarnati: vanno trovati e la loro memoria deve essere ridestata per poter combattere al fianco di Artù contro l'invasione aliena.

Ma questi alieni da dove vengono? E come mai proprio ora si sono decisi ad attaccare la Terra?
Chi c'è dietro a tutto questo?
E i potenti delle diverse nazioni terrestri: cosa stanno facendo per contrastare questo disastroso attacco?
Ma i problemi non provengono solo dai nemici: la storia si ripete, nonostante si conoscano gli errori del passato, e la Tavola Rotonda viene tradita.

Riuscirà Re Artù a mantenere saldo il legame con i suoi cavalieri e a sconfiggere gli alieni e chi li comanda, salvando così non solo la sua amatissima Inghilterra ma tutta la Terra?

Lo scoprirete solo se sarete abbastanza curiosi da leggervi le gesta di questi antichi eroi in versione moderna!


I titoli dei 12 capitoli, che corrispondono alle 12 uscite originarie, sono:

Issue 1. The past and future KingCapitolo 1. Re del passato, Re del futuro
Issue 2. Many are called...Capitolo 2. Molti sono i chiamati...
Issue 3. Knight questCapitolo 3. La ricerca dei Cavalieri
Issue 4. Assault on New CamelotCapitolo 4. Assalto a Nuova Camelot
Issue 5. The tale of Morgan Le FayCapitolo 5. La storia di Morgana La Fata
Issue 6. Royal Wedding FuneralCapitolo 6. Matrimonio Funerale Reale
Issue 7. BetrayalCapitolo 7. Tradimento
Issue 8. Judas knightCapitolo 8. Il Cavaliere traditore
Issue 9. Grailquest 3000Capitolo 9. Anno 3000: la ricerca del Graal
Issue 10. Prelude to war!Capitolo 10. Preludio alla guerra!
Issue 11. War!Capitolo 11. Guerra!
Issue 12. Long live the King!Capitolo 12. Lunga vita al Re!


giovedì 27 gennaio 2011

porchetta e caffè

cioè a dire porchetta pucciata nel caffè.

la fantascienza è arrivata.

...yumme

lunedì 24 gennaio 2011

La goccia kamikaze, ovvero nun ho le visioni ma lo pensavo

Quanto è bella la dieta(-ezza) che si fugge tuttavia, chi vuol mangiare in bianco sia, io ci aggiungo la cipolla; dove ezza lo aggiungo per cause metriche, ma va bene così.

Ero intento a versare l'ultimo dito di olio di una bottiglia in un pentolino che accoglierà di qui a breve delle cipolle, quando un fenomeno, che forse a voi sarà noto ma a me no, si è manifestato al mio guardo stanco. Io ve lo spiego, mentre olio e birra (un goccio a me, un goccio a loro) fanno ciò che devono a delle malcapitate carote nel suddetto pentulino.

Al principio pensavo di avere le visioni, come da titolo del post, ma siccome l'evento si è ripetuto, ho capito e ve lo dico.

Tenendo la bottiglia ad una vertiginosa inclinazione (diciamo 150° rispetto alla consueta verticale) per versare quell'ultimo maledetto goccio di olio che rimane pervicacemente 'ncollato sul fondo della bottiglia, ho notato un fugace brillare di riflessi di luce per tutta la lunghezza della bottiglia, dal fondo (in alto vista l'inclinazione) verso il collo della bottiglia, in basso.

Il mio stato di abbrutimento e di noiosa attesa che il pisciolino di olio terminasse (ma ne vale poi la pena?), è subito stato destato.

Al secondo palesarsi dell'evento, poco dopo, ho capito. Il fondo della bottiglia come noto a tutti è bombato; bene. L'inclinazione della boccia era tale che sulla bombatura del fondo si creassero delle gocce; bene bene. Tali gocce, una ad una, stillando, trovavano nella loro traiettoria verticale il bordo della boccia d'olio.

Evidentemente l'energia cinetica assunta durante l'accelerazione verso il basso non è tale da far sì che l'impatto con il bordo della bottiglia (oleoso anch'esso) rompa la patina di tensione superficiale della goccia, che scivola (è proprio il caso di dirlo) sulla parete verticale (ora inclinata a 180°-150°=30°) e, arrivata in fondo, ha proprio la giusta velocità per centrare in pieno il pertuso della bottiglia e tuffarsi nel pentolino.

Per i poveri di spirito, ecco uno schematico schemino:


E qual è la morale?

La morale è... chi non vorrebbe tuffarsi dove presto arriveranno tante cipolle?

YUMME!!!

...no, la morale vera è....

non me posso svejà alle sei e venti e mantenere la sanità mentale...

domenica 23 gennaio 2011

casa mica è finita eh!

Casa non è finita mica, neh!

Dopo l'ultima missione da IKEA qualche settimana fa siamo tornati con, fra le altre cose, un altro dividicassetti, che si è aggiunto all'altro identico già comprato tempo fa. I cassetti ora sono proprio ben funzionanti, insieme ai due portaposate comprati tempo addietro.

Nella prossima foto vedete i portaposate, uno è sano, l'altro è stato da me tagliato e segato per riempire tutti gli spazi possibili e immaginabili del cassetto.

Ecco invece i rationell che fanno la loro porca figura.

Anche i rationell hanno avuto bisogno di qualche ritocchino, perchè i cassetti dell'IKEA son più profondi dei nostri, Quindi armato di seghetto, li ho mozzati:

Fra gli ultimi acquisti anche specchio e luci pel bagnetto, montati non senza qualche moccolo alla livella starata:
e anche questa è fatta!

venerdì 21 gennaio 2011

passioni

A lavoro abbiamo ri-preso a parlare di casette di carta. Con la collega Giuliana abbiamo stabilito di mettere insieme quattro di queste per realizzare una "casa delle bambole" a 2 piani per la figlioletta Livia.
Al che, mi son messa a cercare su google dollshouse papercraft, hai visto mai di trovare direttamente la composizione completa!
A parte le case di Barbie di quando eravamo piccole (e gìù coi ricordi), ho trovato ben poco. Diciamo che le classiche casette per bambole sono o in legno o in plastica. Di carta, da fare a mano, niente.
Gira che ti rigira, trovo un sito e tra le sue categorie non me ne lascio sfuggire una.
Mi aspettavo i personaggi... e invece trovo qualcosa di ancora più GRANDE ed entusiasmante...

questo

ora, questo santo uomo tedesco c'ha veramente la Passione con la P maiuscola...
invidio anche un pochino il fatto che sia riuscito a riprodurlo così fedelmente, che abbia posto in casa e la giusta dedizione che l'ha portato a realizzare quel coso lì...

ma...



ANCHE IO LO VOJO FARE!


che dite, è una cosa fattibile o sono impazzita definitivamente?

giovedì 20 gennaio 2011

caro gianni...

Cosí inizia l'articolo che mi ha appena fatto incazzare. Si parla di calcio, di derby, di violenza.

Niente di nuovo nell'articolo, come nella realtá dei fatti d'altra parte.

C'é chi va allo stadio a tifare e chi a fare gli scontri con la polizia.

Poi la chicca. Perché noi siamo ggióvani (come l'avrebbe dett cannavó), parliamo alle nuove leve.... eccovi la chicca:

"Io dico solo che siamo un paese particolare, senza nominare B. Non c'è proprio modo di evitare che questi ogni volta giochino a playstation con la polizia? Non dico tanto, ma cinque giorni in carcere magari fanno bene. E invece no: ci accontentiamo del minimo sindacale del casino e dei danni"
(il grassetto è mio)

Essí, checcefrega, parole a caso,tanto basta mettere in un'articolo di violenza su due i videogiochi che si fa il grande giornalismo del ventunesimo secolo, niente niente avete fatto il corso al cepu di psicologia giovanile?

... e si intervistano pure fra di loro, so personaggi importanti sto mura e sto smorto.... giusto smorti só

japan.... forse è cosa!

Insomma alla fine pare che sia cosa (tanto per ricollegarmi al post precedente)...

Un po' spaventati dalla spesa che si prospetta, abbiamo un punto fermo: l'aerio l'avimo prenotato.

E dunque fra aprile e maggio passeremo na ventina de gGiorni nella terra del sol levante.

A lavoro m'han detto: "ma che te sposi?" No.... ma se ció puó aiutare a farmi dare le ferie, pensatelo pure così!!!!!

Bene, detto ció, vi chiedo: consigli su tappe o cose da visitare? Dritte su posti dove dormire (magari cheap)?

Ditece la vostra!!!!!

domenica 16 gennaio 2011

se nun è cosa, nun è cosa

Prima manca una firma del capo. Poi il giorno dopo non riesco a beccarlo. Poi lo becco e la firma la mette.

Poi non trovo un documento. Poi lo faccio cercare e non si trova. Poi lo trovo!

Poi stiamo per fare il tutto, ma c'è una scadenza di mezzo che ce frega tutto!!!

ECCHECCACCHIO!!

giovedì 13 gennaio 2011

mannaja li fairuoll

Sta settimana a lavoro è un casino, ed era ovvio, dopo una fatta a casa in ferie...

Ieri mattina non era da meno, poi arriva una collega X con il pc in panne. E allora daje de antiviruse, tutto pulito. La wifi però non ne vuole sapere. E giù tutta la mattina a combatte co win7 pe capì che c'ha e che non c'ha, giù il firewall, su il firewall, chiama il servizio reti e faje resettà il sistema, un delirio. Alla fine le dico "lasciamelo qua, che domani te lo stendo." La mattinata me la so fumata a sta appresso a lei... mannaggia...

Poi stamattina il collega Y ha problemi con outlook (che ricordiamo non è supportato da gG, riesco quasi ad accettare thunderbird). Me lo guardo, e gli chiedo: ma "da ieri non hai cambiato niente, giusto?", "nono".

mh. Vabbè, tirando giù il firewall sempre che non funzia, "fallo stare n'oretta e vediamo se è un problema di server".

Dopo un po' ci torno, e gli dico di riprovare. Lui clicca su get mail (o come diavolo sia scritto in outlook italiano), e poi su due "annulla" in due finestre, che vedo appena, finestre con su scritti dei testi lunghi na quaresima.

"Ma scusa, tu je dici no a prescindere?", "sisi", la risposta, "gli dico di no tutti i giorni, e funziona". Poi, rapido come una lince, risponde di no anche all'ennesima finestra che appare.

Ma li mortanguerieri, penso tra me e me. "a collega ypsilonnè, se al firewall je dici di non fare collegare outlook, voglio vedere come fa a scaricà la posta!"...

Potente il firewall che pure da disattivato blocca le connessioni... Poi ci ripenso...

E penso che collega X e collega Y lavorano insieme da una vita... vuoi vedè che usano lo stesso metodo... vado, riabilito firefox che era bloccato manco fosse il peggio viruse, e restituisco il pc funzionante...

...che tocca fa quando c'hai a che fa coi virus (e in questo caso intendo win7 o gli utonti, fate voi)...

la regola è LEGGERE QUEL CHE C'È SCRITTO! ...ma è una lotta persa, alla fine jobs c'ha raggione... lucchetta tutto e dajelo, che fanno solo danni!!

io penso...

... che sarebbe più carino e certamente più attendibile chiedere direttamente all'interessato e non agli altri, di seconda bocca...


Sono l'unica stronza sulla faccia della terra a pensarla così?

No, per sapere.

domenica 9 gennaio 2011

Rotolo di Nutella

Beh, questa ricetta la devo alla moglie di un collega.
Forse non dovrei "svenderla" così facilmente... Però la posterò comunque, visto che non mi sembrava fosse una di quelle "di tradizione, da non svelare mai"!
:D

Ingredienti
6 uova
6 cucchiai di zucchero
6 cucchiai di farina
1 bustina di lievito
alchermes
1 barattolo grande di nutella

Sbattere le uova con lo zucchero; aggiungere uno ad uno i cucchiai di farina, sempre mescolando, e per ultima la bustina di lievito.
Foderare una leccarda con carta da forno e versarci dentro l'impasto. Infornare in forno preriscaldato a 180° per soli 15 minuti.
Nel frattempo preparate un panno/canovaccio: umido e cosparso di zucchero
Sfornare e mettere il pan di spagna sul panno.
 
Spalmare l'archermes
e poi la nutella (alla fin fine, non son riuscita a metterci tutto il barattolo di nutella, 750g, e quella che c'ho messo temo fosse troppa. Altrimenti, ho una leccarda troppo piccola...).
Aiutarsi con il panno per arrotolare il tutto. Io l'ho poi guarnita con zucchero a velo. Non ha un bell'aspetto?

sabato 8 gennaio 2011

Guadagnolo, Ristorante da Romano

Intanto, il dovuto:

Rick, tu non c'eri ma ecco i tuoi piatti!!!

Nella foto dei primi, da sinistra verso destra, fettuccine ai funghi, un raviolo ricotta e spinaci con sugo di asparagi, e polenta con sarsicciona sopra. Per la cronaca a Eri non piace la polenta, ma... dopo qualche minuto in cui ho fatto secco il mio piatto, mi volto e... la scifetta di Eri era praticamente pulita!!! La polenta fatta in casa è piaciuta anche a lei!

ora torniamo al normale ordine delle cose.

dove: a Guadagnolo (qui)
quando ci son stato: oggi;
quando ci torno: è un po' lontano, ma... che buono!
quanto si spende: oggi 20€, credo si stia sempre su questi livelli.


In macchina siamo io, Eri e Lollo, in annunciato ritardo (visto che l'ora della punta era 11.30 a castel madama, ma io l'avevo vista stamattina...), e arriviamo con una mezzoretta di ritardo al ristorante.

Guadagnolo è il comune più alto del lazio (ho finito co le nozioni, tranquilli), e il panorama è spettacolare, si vedono da un lato le montagne innevate, dall'altro si arriva a vedere il mare (ma oggi la giornata era un pelo nuvolosa).

L'altezza del posto attira genti da ogni luogo, non solo per l'aria e per il mangiare, ma anche perchè, affacciandosi sulla zona sud di roma, ci sono installate tonnellate di antenne...

Lungo l'ultimo tratto di strada, noi ritardatari incrociamo solo due cavallini e due mucche.

Gli altri invece vengono superati (anche un po' frettolosamente) da uno stuolo di porsche di tutti i tipi.

Al ristorante infatti troviamo il gran pienone dei piloti del raduno, con il nostro tavolo. Una carrellata durante il primo piatto, da cui manca però eri, seduta all'angoletto alla mia destra (mea culpa).


Notate l'avidità negli sguardi dei commensali e la soddisfazione del cameriere/figlio della cuoca, che non mancherà poi dopo di dare una zaccagnata coi piatti in testa a giulia...

...rick non ti preoccupare, apparte uno pikolo pezzettiello di salsiccia, se semo magnati tutto... certo che se pavel a ogni volta che compare il cameriere comincia a dire sempre "facci un misto, facci un misto", i propositi  di non mangiare poi così tanto (causa cena di ieri) vanno rapidamente a farsi benedire...

Nonostante il senso di sazietà dovuto alle recenti magnate festilizie, la soddisfazione è tanta, e infatti anche la scifetta con le fettuccine acqua e farina e il sugo col pistacchio (che è il pesto di aglio e peperoncino) viene sbranata manco avessimo passato il capodanno in uzbekistan.

Non poteva mancare la foto di gruppo!!! Se lucone mi passa lo scatto fatto quasi in contemporanea dalla sua macchinetta, forse possiamo fare anche il 3d...

E infine il conto, che diviso 13 (la 20€) è decisamente onesto!
E buona digestione a tutti (in effetti non mi sento per niente appesantito)!!

Vi lascio con la foto del tramonto che iniziava quando abbiamo iniziato il nostro ritorno verso roma... quello lì in fondo, dietro le nuvole è il mare!

venerdì 7 gennaio 2011

archos o non archos

ad onore del buon lavoro fatto da bartolini, il giorno stesso in cui scrivevo questo post, arrivava il tablet atteso.

Eccovi le foto dell'unboxing e del primo avvio con relativa messa in carica.

(il cavo hdmi->minihdmi l'ho comprato a parte, ma c'era quello usb->micro usb incluso, bravi!)


È per me una sorpresa assoluta constatare che dopo due giorni non ho ancora ammazzato Android, e che mi risulta anche interessante come sistemino. Chiaramente non è lontano il giorno in cui lo braserò, ma intanto mi accontento ^_^

La batteria è durata 20 ore, cioè praticamente una sera, una giornata e una mattina, di utilizzo misto, ma direi che si può essere soddisfatti, soprattutto per essere la prima carica.

Per adesso siamo soddisfatti (Eri sta giocando a sudoku), vi tengo aggiornati!

giovedì 6 gennaio 2011

Festa Cugini!

Decisione presa al volo, giovedì 30 dicembre.

Inviti spediti venerdì 31 dicembre, con l'augurio di un Buon Anno. Ringraziamo la gentile collaborazione (nonché pazienza) di mia sorella Sara. D'altra parte, l'idea è nata da lei, anche se io e Dino ne parlavamo già alla vigilia di Natale.

Sabato 1 gennaio, nun ve vedo e nun ve conosco: per riprenderci della lunga nottata, io, gG e Sara abbiam passato tutto il giorno impigiamati sui divanetti del salone a guardare film, in tutta pace e serentà.

Domenica 2: iniziamo ad organizzarci. Principalmente, sistemiamo la cameretta/studio dove gG s'è apparecchiato coi suoi balocchi: il saldatore e scatole di pezzi di chissà-quali-oggetti-ormai-smantellati

Lunedì 3: 'alzataccia' per andare a fare la spesa e per un viaggio senza speranza all'IKEA, perché necessitiamo di altre sedie. Con la scusa compriamo tante altre cosette, che sveleremo in un post a parte.
Nel pomeriggio, continuiamo a sistemare/pulire casa e iniziamo a preparare qualcosa.

Martedì 4, il grande giorno.
Beh, c'è poco da dire: abbiamo cucinato a tutte le ore. La mattina eravamo da soli e nel pomeriggio Sara è arrivata ad aiutarci. Abbiamo avuto anche una special guest star in papà, arrivato presto all'appuntamento con mamma, che ci ha aiutato nei tramezzini e si è esibito in una spremuta di arance.
Finiamo giusto giusto in tempo che iniziano ad arrivare i cugini.
Vado in ordine di arrivo: Silvia, Gianluca, Giulia e Marta, Simone, Matteo e Pamela, Eleonora e Mauro, Valerio, Roberto ed Antonella, Dino. Contando me, gG e Sara eravamo 16.
Peccato ne mancassero ben 8: Simona e Claudio, Andrea e Daniela, Damiano e Melissa, Nicoletta, Emanuele.
E infatti ho "accusato il colpo" (degli assenti) con gli avanzi che ci son stati... Tutt'ora, a due giorni di distanza, abbiamo il frigo pieno, nonostante abbiam dispensato biscotti, cioccolatini e dolci vari.

Mi ha fatto piacere averli (quasi) tutti qui: qualcuno di loro era tantissimo che non lo vedevo. Forse anche più di un anno! Con altri ci eravamo visti qualche giorno prima, nel pieno del natale.
Unica nota dolente è che ciò che "mancava" alla serata eran gli zii. Vedremo di porvi rimedio in futuro.


Una menzione speciale va data al menù:
- salsine (ceci, ceci+berberé, melanzane, salsa rosa e salsa tonnata)
- stuzzichini e salatini (olive, salumi, formaggio, mais tostato, arachidi vari, patatine, ecc)
- rustici (wurstel)
- torte rustiche (zucchine+salmone e spinaci+formaggio)
- tramezzini (salmone e prosciutto crudo)
- coni di prosciutto (maionese+tonno in coni di p.cotto)
- insalata di pollo (by mamma)
- couscous + 2 condimenti (verdure varie e pisellini+guanciale stufati)
- dolci vari: biscotti (sara), crostata ricotta-cioccolato (silvia), tiramisù (matteo e pamela), cioccolatini (normali e col riso soffiato), pan di tiramisù e rotolo di nutella!
- macedonia di frutta
- bevande varie


Spero che per i cugini sia stata una bella e piacevole serata, così come lo è stata per me.

Grazie a tutti

mercoledì 5 gennaio 2011

un mese, una vita, un giorno

Alla fine ho deciso. È stata una decisione consapevole. eh si. Inizio a fumare! Al mercatino malese-uruguagio un pacchetto di sigarette sta 4.3 €.

E allora vi dico che in realtà ho cominciato a fumare un pacchetto ogni due giorni circa 5 mesi fa. Ma invece che fumarli ogni due giorni, ho anche pensato di fumarmeli tutti insieme. Stavo anche per andare a comprarli, quando poi mi sono detto: ma chi se ne frega?

E allora ho comprato un tablet. Che tanto adam ancora è di là da venire. Che tanto l'ipad so che lo volerei dalla finestra dopo mezza giornata. E allora intanto ho ripiegato.

E l'ho ordinato su internet subito prima di natale. E per un qui pro quo (pensavo fosse disponibile ma invece sono un po' ingannevolini sul sito), il tempo di disponibilità dell'oggetto era tra le 2 e le 3 settimane (praticamente un mese!). E vabbè, son 5 mesi che non fumo per permettermelo, ce posso sta.

Ma poi mi mandano una mail, il 30 a mattina, scusandosi, e dicendo che la prossima fornitura gli arriva il 27 gennaio. Evabbè, son di spirito ottimista, aspetterò (seee, una vita!)!

...Poi il 30 verso le 18 mi arriva un'altra mail che diceva "caro signor luigi, il suo pacco è stato spedito"! un giorno!

beh bravi tutti, mo se bartolini non scazza, oggi sta in consegna!

sabato 1 gennaio 2011

Regali... a 4 mani

Eri - Eccoci qui, sopravvissuti ai fatidici giorni magnerecci di Natale. Effettivamente abbiamo rischiato che potessero essere anche gli ultimi, visto la quantità di calorie che abbiamo dovuto affrontare.
Abbiamo iniziato con l'english dinner di domenica sera. E lì gG aveva già la panza piena. Poi lui ha avuto un richiamino merc 22 a lavoro. E poi, la magnata infinita:
giovedì 23 a pranzo a lavoro mio (anche gG, imbucatissimo)
venerdì 24 a cena (io da mia zia, gG dai suoi)
sabato 25 a pranzo dai suoi
sabato 25 a cena da mia zia
domenica 26 a pranzo dai miei
come siam riusciti a non farci venire gotta, diabete e colesterolo, ancora non so.
gG - In realtà non ho mangiato tantissimo ad ogni singolo pasto... il punto è che ero sazio dall'inizio: la cena di domenica mi aveva un po' attufato!
Eri - Io domenica sera ero un gioiellino! Ma passiamo ad argomenti più leggeri (che ancora sto accusando): i regalini! Quest'anno Babbo Natale è stato anche generoso e i pacchetti da scartare son stati numerosi pensierini.


Quello che ho ricevuto:
- una casetta-negozio di biscotti tutti-gusti - dalla collega Sara
- una casetta-villino di biscotti salati - dalla collega Giuliana
gG - delle quali mancano le foto, per ovvi motivi...
Eri - eccerto, te li sei finiti! Dicevo:
- un cesto natalizio - da SP
- un accappatoio con relativa sacchetta (di quelli leggerissimi e poco ingombranti) - da zia
- un fumetto: Sesso col coltello, Alda Teodorani (disegni; Sara Pichelli, Lorenzo Pasqua, Giampiero Wallnofer), Cut-Up 2007 - da gG
- un cd: Una mattina, Ludovico Einaudi, Decca 2004 - da gG
- una sciarpa - dalla mamma di gG
- un paio di pantofole DeFonseca (da bambini, lo so... ma son quelle che me durano di +, son + comode e son + allegre di quelle da "signora"!) - da mia sorella
- una vestaglietta viola, corta - da mamma
- una ciotolina, una salsiera e un vassoio bianchi per stuzzichini/salse/antipasti - da mamma
- un peluche paraspifferi - dalla sottoscritta :-) [vedi tra le foto di gG]
- la casa di Babbo Natale di cartoncino, da costruire (magari per il prossimo natale...) - sempre dalla sottoscritta :-P
e mi pare basti così! Vai, tocca a te

gG - Toccaaa a meee? Ho ricevuto:
- una casetta con tanti lindor di tutti i sapori
- un R2D2 e la Millennium Falcon di cartoncino, da costruire
- una Delorean di cartoncino, già costruita
- un calendario per casa, fatto a mano
- una serie di bigliettini da albero di natale (con una filastrocca dietro)
- la gratta zenzero raccogli-succo (praticamente su ordinazione) - fin qui tutto da Eri
- una cintura - da mamma
- una scatola a cilindro ripiena di cioccolatini ripieni (fragola, lampone e mirtillo) - dalla sorella di Eri
- una vestaglia blu, corta, da usare quando sto male - dalla mamma di Eri
- una bottiglia di spumante - dalla portiera

Eri - Vuoi aggiungere altro?
gG - No. Tu hai ancora un regalo misterioso
Eri - Quale?
gG - Quello di nonna
Eri - Ma pensavo fosse la sciarpa
gG - No. Quello è di mamma
Eri - Ah

Grazie a tutti, a chi per i pensierini, chi per i semplici auguri, chi per un abbraccio!
Ma soprattutto:

BUON ANNO!!!!


Ps: no, non aveva già bevuto alla festa a casa di Ciccio... era che proprio non riusciva a tenere gli occhi aperti per via del flash...



Update del 6 gennaio, ore 13.09

Eri - Aggiorno i regalini che ho ricevuto (e, con la scusa, ci aggiungo la sciarpa):
- il pensierino di Marica (vedi commenti)
- portachiavi della Coccinelle a forma di gatto - nonna di gG (che proprio mi serviva!)