venerdì 6 maggio 2011

Tibberio, o dar quajaro

dove: a  Largo Mola di Bari, 17/19, Roma, Italy (vabbè, qui)
quando ci son stato: l'altro ieri, cinco de mayo;
quando ci torno: ...me sa la settimana prossima...;
quanto si spende: ~20 euri a testa (sigh).

Oggi ci provo, parlo di quello che per me è un monumento non convenzionale di Roma...

Questa è forse la più difficile "recensione" di ristoranti che mi trovo a fare.

È difficile perchè dar quajaro ci sono andato decine di volte nell'arco degli ultimi... mmh direi 15 anni, dal liceo in poi. Che poi io l'ho sempre chiamato Tibberio ma vabbene insomma quello è. Tanto fuori c'è scritto giusto "pizzeria"...


E il terrore, ogni volta che ci manco un po', di non trovare quello che ricordo, i sapori che ricordo, gli odori che ricordo, la rozzezza che ricordo, e il PREZZO, che ricordo...

Parlando di ricordi, il menù classico, "el rituàl", consiste ed è praticamente senpre consistito di:
  • carbonara doppia;
  • margherita;
  • quaja.
EEEEH, che esaggerato, tre portate... beh, cominciamo col dire che A) quello è il menù che mi porto dietro dal liceo, non che abbia troppo diminuito il volume di cibarie che ingollo, ma insomma... B) la pizza non è la pizza che uno si aspetta, è quella pizza de na vorta de roma, piccolina, un po' alta, che ha un fote gusto di lievito... mmmh ce so stato ieri sera (quando scrivo) e c'ho di già voglia de tornà...


E quindi, il primo tracollo che ho avuto, il pomeriggio prima della cena è stato quando ho scritto, in un attimo di pausa, "il quagliaro" su gughel, e...
ODDIO!!! CE STA IL SITO!

Se consideriamo che ai "bei tempi" (fiino a due anni fa, non negli anni '60) manco c'era il telefono per prenotare... non vi dico con che paura sono entrato nel locale!

Intanto ho subito notato, sul sito, i "prezzi di una volta":
questi NON sono i prezzi di una volta ^_^
Per carità, non è che si possa ancora pagare una margherita ₤ 6'000 ->3€, però ci tengo a specificare che questi (affissi al muro sopra al passaggio che porta al piano di sotto) NON sono i prezzi di una volta. Sono comunque bassi eh ^_^

Insomma, entriamo, e subito il fragrante e amato e pungente profumo delle quagliette mi pervade le narici. Fra lo "staff" trovo facce conosciute e facce nuove... al forno c'è una faccia nota, penso un discendente di Tibberio, con vicino la signora (quella sorda, anna?) che una volta serviva ai tavoli e che gli da una mano, verso la cucina risiede il mitico signore colla mano tremolante che salava le cose (mezz'etto de sale a piatto), a gestire la sala un signore che non avevo mai visto, a servire due ragazze di modi molto educati, che stonano un po' con il ricordo delle due minute e signore de na vorta.

Il locale è stato ripulito, alla sala sotto non ce sta più il doghettato alle pareti, la parete in fondo c'ha una tinta rossa (rubino? per chi ha più di 4 bit di definizione di colore) che non è male, sorpresa per i tavoli con i numeri scritti su pendaglietti di legno affissi alle pareti.

Se potevo essere diffidente con questa aria di (moderato) rinnovo, la popolazione che anima il locale di sotto mi rincuora: quarticciolo at its best!

Tre tavoli pieni de coatti! In particolare il tavolo dietro di noi è preda di 4 regazzette bburinone (non credo maggiorenni), intente a mangiare pizza e cocacola; la più intraprendente ogni tanto ce rompe le scatole, una volta pe imbarazzà l'amica (caruccia ma co un tatuaggio colorato che le prende tutto il braccio non proprio rassicurante) chiede a uno di noi il cellulare ("guarda che se lui se sposa!"), poi se rivorta per chiede si eravamo ricchioni ("aaa-ancora, se spoosa!"), poi se vorta col bicchiere pe chiede er vino ("me sa che stai bene così"), insomma, l'aria de tibberio è sempre quella.

Ma se magna pure? Sì, se magna pure... Il menù è stato ampliato, c'è più offerta e mi dicono che l'antipasto di alicette e uova di quaglia sode sia molto gustoso... lo proverò prossimamente...

Al tavolo viene servita una gricia, che osservo con interesse, mi dicono molto piccante:
una gricia à la tibberio
io derogo subito dal ritual (sono pronto anche io a rinnovare), non appena mi si offre un rigatone alla pajata (ho intrasentito da racconti ad un tavolo vicino che era una novità/sperimentale di quel giorno):
rigatoni alla pajata (c'è ma è coperta dal pommidoro)
E il giudizio qui è positivo, non posso fare un confronto con i tempi che furono, ma sto rigatone valeva proprio la pena! Oltretutto la pajata non è che capita tutti i giorni di potella magnà, quindi la soddisfazione è stata tanta.

Poi il mio menù e quello dei commensali procede sui binari della tradizione: eccovi la margherita, delle solite dimensioni, forse un po' meno alta e sbruciacchiata de na vorta, peccato. La preferivo più rozza come una volta, ma devo dire che ancora il gusto è quello:
una buona margherita de na vorta

E infine eccoci al piatto più atteso, quello che da il senso alla serata: la quaja! Già il fatto che si possa prendere doppia o tripla... beh, questo è un cambiamento che accolgo favorevolmente, ma dopo la cavalcata di una serata da tibberio mi accontento anche del caro vecchio trattamento singolo:
  • le due mezze ciriole imbevute del sughetto della quaglia:
  • i funghetti:
  • le olive:
  • la quaja:
Sulla quaglia effettivamente si sente che manca l'antica mano che la salava, riesco a mangiarla senza mandar giù tutta la boccia d'acqua, è un po' meno cotta di come la ricordo, ma il sapore è quello giusto (e pei maligni... nun è un piccione!!)
la quajaaaaaa
Arriva il conto che sono a lavarmi la sugna dalle mano, e in effetti è una sorpresa: 20€ a cranio. Una volta si spendeva meno di 20 sacchi, l'ultima volta poco più di 10€, ma vabeh, il locale è stato ristrutturato, l'allaccio al telefono costa, il dominio pure, le cameriere anche (se so discendenti anche loro solo applausi)...

e poi ci può anche stare un aumento dopo almeno 10 anni di prezzi bloccati (per davvero)!

insomma, nonostante il thriller direi che possiamo confermare tibberio!

Ah, ultima nota positiva sul vino, molto molto meglio delle ultime volte (olè).

questo risto e gli altri sull'apposita mappa.

9 commenti:

  1. come ben sai... se monsignore acconsente settimana prossima ci si va!

    RispondiElimina
  2. ansomma, avete rimorchiato eh?
    ebbravi!

    RispondiElimina
  3. no, in effetti ce stavano a prende pel culo...

    RispondiElimina
  4. Vorrei sottolineare come mi abbia rincuorato il fatto che la "bidella der quajaro" superstite avesse comunque il grembiule scolastico d'ordinanza.

    Comunque, tra gli antipasti ho visto passare degli involtini di melanzane che ad occhio sembravano degni di approfondimento...

    RispondiElimina
  5. UUUUUUUH Ricordo ancora quando mi ci portasti: fu una serata davvero memorabile (con tutto di pesante scherzo telefonico a Flaminia, ero decisamente ubriaco)!!!

    RispondiElimina
  6. noooooooche te sei annato a ricordà!!! Non eri COSÌ ubriaco se te lo ricordi!

    RispondiElimina
  7. nonnò, lo era, lo era.
    Se lo ricorda per l'eco che suscitò nei giorni seguenti sul BUSTORUM...
    aaaaaah il bustorum... ora vado a rivedermelo...
    e a salvarne un backup... forse...

    RispondiElimina
  8. ah giusto, il bustorum...

    OT: io ho salvato quello che credo sia un backup completo, ora voglio studiare uno script che dalle varie pagine mi tiri fuori un db con tutto quel che abbiam scritto... non è semplice perchè le formattazioni di freeforumzone so incasinatissime... MALEDETTI DROW!!

    RispondiElimina
  9. GIUSTO, UNA CAPATINA NEL BUSTORUM CI STA SEMPRE BENE!!!!

    E SI! ERO DECISAMENTE UBRIACO!

    RispondiElimina