domenica 31 luglio 2011

salmon vaporé

Domenica scorsa ho afferrato due coincidenze, quella di dover (e voler) consumare il salmone di ikea in freezer e anche il voler usare il cestello per la cottura a vapore comprato da xin shi tempo addietro.

Siccome non è che si possono fare le cose semplici mi sono arrovellato ben bene il cervello prima di iniziare e mi sono presentato con queste armi prima della battaglia:
Da sinistra verso destra:
  • il cestello immerso in acqua pe non fallo troppo sbrucià in cottura;
  • i due trancetti di salmone praticamente scongelati;
  • riso lavato;
  • una zucchina;
  • un foglio di alga nori;
  • il soprapentola bucato dove appoggio il cestello e che va sopra la pentola che bbolle.
E allora metto l'acqua a bollire, e nel primo piano del cestello metto il riso e l'alga nori per non farlo cascare tutto nella fessura.


Immagino che ci vorrà molto per cuocerlo, quindi faccio il conto di tenerlo almeno 45 minuti a svaporà.

Lo carico e passo al taglio degli altri ingredienti:
assottiglio i tranci di salmone che almeno la cottura è più semplice, e faccio a fettine la zucchina.

La zucchina la dispongo sul fondo dell'altro cestello, in modo che non si appiccichi il salmone.

E ora la magia. Metto al piano inferiore le zucchine, al piano superiore il riso, e aspetto una diecina di minuti per dare un po' di vantaggio alle zucchine.

Poi metto il salmone, ma giusto un quartino d'ora, ecco come appaiono a cottura quasi ultimata:

Ed ecco qui il piatto, ehm, senza riso! Perchè... perchè il riso al vapore io pensavo si cuocesse al vapore... e invece no... rimane duro... il riso al vapore si cuoce... come ho sempre fatto cuocere il riso, cioè per assorbimento... ma vaff!!

E il resto com'era? le zucchine leggermente troppo frolle, il salmone (sul quale ho tarato tutto)... slurp...

sabato 30 luglio 2011

acccccattone!!

l'estate e' mite, fretta non ce n'e', e dunque la mattina gG se ne va bel bello a piedi a lavoro.

Questo ha il grande vantaggio che mi permette di dormire anche durante la passeggiata, fino a che non arrivo a lavoro.

Stamattina davanti al palazzone dell'enel mi ferma un signore di mezz'eta', sul pelato andante, abbronzatura da manovale, bassetto e in canotta nera, con in mano una specie di pappagallo (non l'uccello) nero di plastica:

"che c'hai n'euro, ddu' euro, che ce s'e' fermata 'a macchina qqua' ddietro, pe ffa' bbenzina..."

gG ci crede? nnnnaaaaa, ma quann maie!!! gG gli da' un'euro? massì! per due motivi: il primo e' che se un giorno dovesse capita' pure a me, anche se non sono credibile, spero qualcosa qualcosa mi arrivi... il secondo è che ancora non l'avevo visto quello del trucco della benzina.

ringraziamenti, qualche tipo di benedizione sempre in romanaccio, e via.

---

La sera esco da lavoro e mi riavvio facendo la stessa strada ma al contrario. Verso piazza galeno... indovina un po'! lo stesso tipo.

Ed esordisce colla stessa manfrina!!! Ma dalle 9 di mattina alle 6 di sera s'è aggirato battendo "soldi per la benza"?

Gli dico, senza manco fermarmi, "abbello, è da stamattina che stai a chiede soldi pe la benza"

e lui ribatte (pure stizzito!) qualcosa del tipo "tu sai se stamattina hai dato qualcosa e hai la coscienza a posto"...

Mo, va bene che non ci avevo creduto dall'inizio, e non credo neanche che volesse alzare tanta benzina da andarci in giro per l'europa, però quello che mi fa rodere è: ti ho dato un euro stamattina? Almeno ricordati la mia faccia!!!

lunedì 25 luglio 2011

Pax vobis armadius magnum

...questa è la storia... di uno di noi... anche lui nato per caso ad Älmhult...

In principio era così....
minimalista dire!

Poi per un bel po' di mesi il battiscopa è stato popolato di scatoloni... finchè nelle ultime due settimane si presentava così:
studio degli ingombri
E poi arriva venerdì. Lo sciopero dei mezzi non ferma le nostre velleità, e dopo una breve spesa saltiamo su cachemere e andiamo a porca di roma!

Vista la mia bassissima sopportazione del negozio Ikea, è un bene che partiamo già preparati e con la lista di cosa prendere, scaffali inclusi. Ci serve solo una breve incursione nel reparto maniglie, per sceglierle bene. Incursione che alla fine si rivela del tutto infruttuosa, visto che tutti i modelli che scegliamo so' esauriti!!

Breve passaggio anche nella zona bambini, dove eri, siccome non le abbasto, compra un'altra carota.

al centro, il mio alter-ego morbidoso

Poi le magiche avventure continuano al piano di sotto. Carichiamo le cose che compriamo (di cui una ve la mostro montata nel seguito) su due carrelli. Sarà che la giornata è stata lunga, sarà che il truciolato maledetto pesa quanto la morte, sarà che forse sti carrelli di Ikea se stanno a sbracà, ma spingere il carrello con su l'armadio fino alla cassa è stata veramente una impresa titanica. Facevano più attrito le ruote con il pavimento che le mie scarpe!

In un modo o nell'altro arriviamo alle casse, e, mentre eri mi aspetta in fila (fra il nervosismo degli astanti, visto che non si capisce come mai è lentissima), faccio una incursione al banco spedizioni espresse (stavolta non replichiamo il viaggio della speranza).

Arrivo e c'è il display che segna il 35, prendo il numeretto ed è 44. Mah, vediamo, se quando arriviamo il 44 è già passato, vuol dire che sono veloci, pace. Se non è ancora arrivato... fila risparmiata!

Ma la fila alla cassa è luuuuuuuuuuuuuunga, più che altro lenta... Staremo in fila forse 20 minuti, alla fine paghiamo e strascichiamo i carrelli fino al banco spedizioni.

E il display dice "39"... sto cavolo... me vado a lavà le mani (nere) che gli scaffali ikea non sono il massimo della pulizia.

Il tempo di tornare, che vedo che eri spinge (nonostante il display dica ancora "39") il carrello... che lo tieni a fa il display se non lo aggiorni!! Insomma, sono già al 44...

Consegnamo i mobili (evivaaa), che il giorno dopo fra le 8 e l'una ci porteranno...

E infatti alle 10 "squilla" il citofono, e ci portano su il tutto.

Ecco il corridoio incriminato so far:

E si comincia, sono due strutture armadio identiche, che montiamo.

Fase avanzata del montaggio della seconda...
è fotogenico il mio ginocchio?
Ed ecco le strutture in piedi e al loro posto.
il tutto in videociat
Riempiamo le strutture con le scarpiere e i bastoni.

E ci montiamo le ante.

ta dàaaaaan

...è da notare che rigorosamente NULLA delle scatole che nella seconda immagine facevano l'ingombro è finita nell'armadio!

domenica 24 luglio 2011

octopus imitatore!

Non c'è niente da fare, xkcd è fonte inesauribile di curiosità.

A vignetta...
...corrisponde la scoperta di questo assurdo polpo: nel filmato che potete vedere qui sotto, beccato in un articolo in giro per la rete, imita veramente una serie di specie animali sottomarine in maniera perfetta!!

Quando fa lo scorfano o la sogliola è veramente impressionante!

sabato 23 luglio 2011

...poi prendi la brisée -OH NO!- è andata a male!

...o quanto meno ha dei puntolini neri, che se fosse pasta brisèe integrale magari ce starei pure, ma siccome non c'è scritto nulla di diverso rispetto al solito... famo che non ci cimentiamo (che sennò da busto stasera chi ce arriva??).

Solo che la pasta brisèe la apro che già stavo saltando in padella il futuro contenuto, cioè spinaci (ex surgelati, che li voglio far fuori) e una zucchina a dadini.

Che fare? Il ripieno in effetti se po' magnà anche da solo, ma non so' contento...

Allora ce provo: in padella (poco più che tiepida) aggiungo anche un uovo e il pecorino grattato, che è il resto della robetta che avrei buttato sopra alla brisèe.
zucchina, pecorino, spinaci e un uovo. E paletta.

Prendo quindi l'ultimo ingrediente che volevo mettere nella torta rustica ("a tajo finna finna finna a mett'ombocca e se squaja") e involtolo tutto,
se vede che se squaja
Ecco i tre nvortarelli, prima della canonica passata in forno: come verranno??
CUO-CI-CI! CUO-CI-CI!
La mortazza chiaramente s'è sciugata, il contenuto ha tirato su un sughino che me lo berrei 3 volte al dì solo per tirarmi su di morale...
cottiiiiii
Impiattazia, e se magna!

commento finale? strepitosiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

tocca approfondire la parte salsina che credo darà soddisfazioni!

giovedì 21 luglio 2011

sant'autista dell'atac

la scena e' questa:

sull'86, al capolinea, mi siedo al posto subito dietro all'autista, gia' al suo posto e che si fa i suoi beati cavoli al cellulare.

dopo qualche secondo entra una ragazzetta nera (in effetti una versione nera di vera) con due cuffione bianche, se le toglie e fa per chiedere all'autista, che non se la fila... e qui me stava pe cala' l'autista...

finisce la telefonata, e la negretta parte, con un fortissimo accento francese:
qual'e' l'autobus piu' veloce per via "nomorozzo"

e io li' a sforzarmi di capire che strada fosse, per sopperire all'autista che temevo stronzetto...

e invece dopo pochi secondi le fa:
...via nemorense? il migliore autobus e' questo, perche' e' in partenza.

accende il bus e parte. MITICO!! e io che ancora stavo lla' ad arrovellarmi pe capi' nomorozzo...

ho anche pensato che la stessa scena ma a parti invertite e in francia dubito fortemente che avrebbe avuto buon esito... che se sbagli anche poco poco n'inflessione pare che diventi incomprensibile!

martedì 19 luglio 2011

Ostia Beach

a lavoro ci siamo chiusi su questa canzone...

il testo me fà troppo tajà dalle risate!



ANNAMO A OSTIA BEACH
"Dai segui il tir, gira qui, svolta là"
"Scusa amò, zitta 'n pò, che sta di"
"Namo a Ostia Beach"
"Seguo il tir, giro qui, svolto là"
"Svelto amò, Fido la staffà quì"
"Annamo a Ostia Beach"
"Senti amò, er bar sta lì, sto a sudà da morì, ce sta tutto un bel drink"
Stamo a Ostia Beach.
"Fido qui"
"Vieni qua"
"Cuccia giù"
"Bono sù"
"Amò vallo a pià"
Stamo a Ostia Beach.

La sabbia brucia, brucia ah ah, brucia ah ah, brucia ah ah
brucia, brucia ah ah, brucia ah ah
La sabbia brucia, brucia ah ah, brucia ah ah, brucia ah ah
brucia, brucia ah ah (x2)

"Ma guarda tu questa quì, e tutto er giorno fa così: 'er cane quì er cane là', e non me posso rilassà. Vengo ar mare a respirà, ma è mejo annà a lavorà: 'e famme qui e famme lì' "
"Non te scordà er driiink.
Amò prendi er beauty sta lì, er solare sta là, forza sparmame qua che me sto a brucià. Fido quì."
"Vieni qua."
"Amò sta a riscappà, a rivallo a pià."

La sabbia brucia, brucia ah ah, brucia ah ah, brucia ah ah
brucia, brucia ah ah, brucia ah ah
La sabbia brucia, brucia ah ah, brucia ah ah, brucia ah ah
brucia, brucia ah ah

"Sai che m'andrebbe? Un ber gelato.
Amò me toji a sabbia dal lettino?
Guarda un pò che staffà Fido.
Perchè non vai a sentì se l'acqua è calla?
Er telefonino amò er telefoninoo.
Ciò n'arsura, che me vai a pià?
Ah, amò dentro a borsa bianca se guardi bene ce dovrebbe stà 'na mollettina maa prendi?"
"Ma qua a borsa bianca 'n c'é."
"Si lo so sta in macchina."
"Ma come in macchina! Stamo a Ostia, ho parcheggiato a Acilia!"
"Mbè, te porti er cane te fa compagnia."
"Tiè er cane tuo, ecco quì: questo er drink, tiette er beauty, er solare sta lì.
Te lascio a Ostia Beach."
"Oh, che stà dì, 'ndo st'annà, non scherzà, pe' 'na cosa c’ho chiesto de fà. Stai a rosicà!
Fermo amò, 'ndo stà 'nnà, che stà 'ffà, qui cor cane me vai accannà.
Sola a Ostia Beach."
"No lascia stà, fà passà, tu er tuo cane pe' me ve potete ammazzà. Mo' m'hai rotto er ca... "

domenica 17 luglio 2011

I-laria condizionata

come scrivevo nel mio commento precedente al post precedente, il concerto di capa e' iniziato alla grandissima, ecco come:

"jump jump"
... laggiu' anche eri e gg saltaveno alla grande!!!!!

(scritto dall'adam)

Caparezza - Rock in Roma 2011

Ieri sera, armati della nostra fida Buu, siam partiti alla volta del concerto di Caparezza al Rock in Roma.

A parte un par di giri prima di incamminarci in quel di Capannelle, s'è fatto presto ad arrivare e a parcheggiare, con la moto, nonostante la luuunga fila di auto... :P
Ad un semaforo della Tuscolana (uno dei più lunghi) abbiam fatto un ripassino grazie alla macchina alla nostra sinistra che evidentemente aveva la nostra stessa meta.
Dicevamo: parcheggiamo (pure i caschi, che sarebbero d'impiccio) e ci intrufoliamo nella folla entrante. Strappato il bigliettoè ufficiale: siamo al concerto!
L'inizio è previsto per le 21.45, ma conosciamo i nostri polli e sappiamo benissimo che non avverrà almeno per la mezz'ora successiva. E così è stato (anche se io ci spero sempre che siano puntuali).

Il gruppo spalla d'inizio (calibro 35, se rammento bene) ci ha tenuto compagnia mentre tutto intorno a noi lentamente ed inesorabilmente si riempiva di gente. Persone di tutte le età e famiglie cum pargoli (rigorosamente sulle spalle del più forte e resistente del gruppo, durante il concerto).
Eravamo giusto giusto 4 gatti: 12mila persone a saltellare e sudare all'ippodromo di Capannelle.
Complimenti.
[insert di gG:

]

Noi non si era proprio vicini al palco. Anzi, ci siam tenuti abbastanza lontani proprio per evitare di venir schiacchiati (o di perderci di vista).
Nonostante questo accorgimento, ero circondata. Ovviamente da persone più alte di me.
Ergo, dire di aver visto il concerto rasenta la menzogna. Diciamo che l'ho sentito, ecco. Ma non me ne faccio un grosso problema.
Sarà l'abitudine...
A dirla tutta (ma proprio tutta), avrei volentieri seppellito vive un paio di persone, ma per il resto ne son rimasta davvero davvero soddisfatta!

Che spettacolo ci ha regalato Capa? Ha alternato canzoni dell'ultimo disco con le più famose dei dischi precedenti.
Io e gG le abbiam cantate, saltate e applaudite per quasi due ore di concerto.
Che bello, che fomento!
E che caldo!


Queste quelle che ricordo (non in ordine di esecuzione):

Tutto ciò che c'è c'è già
Vengo dalla Luna
Annunciatemi al pubblico
Ilaria condizionata
Vieni a ballare in Puglia
Abiura di me
Chi se ne frega della musica
Il dito Medio di Galileo
Sono il tuo sogno eretico
Goodbye Malinconia
La marchetta di Popolino
La fine di Gaia
Kevin Spacey
Legalize the Premier
La Ghigliottina
Ti sorrido mentre affogo


Menzione speciale per le due canzoni che hanno la capacità di farmi venire già dalle prime note la ben nota reazione comune a quelli facilmente emozionabili (quando non dipende dalla temperatura esterna): la "pelle d'oca". Non ci posso far nulla, è più forte di me. Ho un debole per queste due:

Eroe


Non siete Stato voi

venerdì 15 luglio 2011

sotto l'ara pacis passo, sottopacis, sottopasso...

06blog pubblica e io rimbalzo, la notizia che vogliono fare il sottopasso accanto all'ara pacis... poi aggiungono che ci sono delle polemiche, perchè è chiaro che il romano lungimirante come si tocca X nel raggio di 3 Km da un edificio Y che non gli piace, invece di dire "si il lavoro X è necessario e migliora", dice "eh no ma a me Y fa schifo".

Le macchine tumulatele li sotto! La cosa brutta è che sul livello strada ora è prevista erba, ma quanto ci buttate che ci sarà un bel parcheggio?

Ma la cosa è un'altra: ecco il rendering del progetto. Poche macchine, che vanno a 50, ma vi pare roma? Per fortuna che ci han messo una bella infrazione (dal minuto 1:07), macchinona che supera altra macchinona. La seconda rosica, scavalca le delimitazioni della carreggiata, fa per colpire la macchina nella corsia di sinistra, poi sorpasso a destra da vero burino con sgasata simulata e via verso nuovi lidi... guardare per credere! Ora si che riconosco Roma mia... :$

martedì 12 luglio 2011

Yann Tiersen (finally)

questo post è scritto in collaborazione con GRÄDDFIL & LÖK
Bene, la notizia è che finalmente sono entrato ad un concerto a villa ada senza impicci!!

Oddio, qualche difficoltà l'abbiamo in effetti avuta... Con eri e bù usciamo verso le 9 e mezza, faccio due isolati che... che già vedo gente che parcheggia e si avvia a piedi (cioè io prendo la moto per fare 2,3 Km e questi parcheggiano a 1,8 Km...), e la cosa un po' mi preoccupa.

Man mano che ci avviciniamo circumnavigando villa ada: il mio obiettivo è parcheggiare come l'altra volta, lillo lillo poco prima che la strada diventi a senso unico.

E invece... delirio! pieno de gente che va, gente che viene, filona de macchine per strada, macchine parcheggiate... atmosfera delle grandi occasioni insomma! Mollo eri alla fine della discesa ("e mo dove vai?" "su!" "ma dove su!" "più su!"), torno quasi all'incrocio con via salaria, mollo bù e caschi e... concerto!!

Gimkana fra le moto e i motorini, dribbling fra vari capannelli di persone con cellulare in una mano che sventolano l'altra manco dovessero fa partì la ola, mostro i biglietti al primo check, poi anche al secondo dove me li strappano, e siamo dentro!

Manco ve sto a di quanta gente c'era, al posto del "gruppo spalla" della serata si faceva il gioco della sedia: mira alle colonne delle sedie che lo staff porta in giro e prenditene una!

Nonostante eri desideri MOLTO avere una sedia, a me de fa a botte per stare seduto a un concerto non me passa proprio per la capa. Che poi l'intera situazione è fallata: i primi hanno le sedie, e si siedono in circolo lasciando sì dello spazio davanti al palco, ma non abbastanza per far entrare quanti vogliono vedersi il concerto in piedi. Che succede allora? che subito davanti alla prima fila ci sono quelli in piedi, quello in prima fila non vede e si alza e.. domino!!!

intermezzo: altro video di una canzone molto bella


Strategicamente allora io piazzo me ed eri ad una giusta distanza dal palco, con a sinistra in vista la fila per la birra, e subito dietro le ultime sedie: se, come spero, non si alzano, ce lo vediamo alla grande.

Fila per la birra? quando arrivo ci sono tipo 30 persone in coda, quando inizia il concerto ce ne sono 60, morale della favola, serata alcohol free... drats..

Ma sto concerto? Inizia alle 22.30 con la canonica mezzora di tolleranza, finito qualcosa dopo mezzanotte, anche qui di ordinanza.

Impressioni? Intanto yannuzzo ha tenuto fede al titolo del tour, dustlane come l'ultimo album, e ha presentato sostanzialmente solo le ultime sue produzioni. Eccezione evidente sur le fil, il primo filmato che vi ho proposto. In effetti anche questa classica viene "sporcata" da un suono elettronico che la rende più oscura e simile alle sonorità attuali di yannino.

In effetti è strana l'evoluzione che ha fatto, una volta suonava musica molto francese (nonostante testi anche in inglese), cambiando spessissimo strumento ma rimanendo protagonista di un suono abbastanza semplice.

Qui invece si è portato 5 musicisti, un basso, due tastiere (una solo sintetizzatore o quasi), una chitarra e il batterista. Se ci uniamo lui che per metà ha suonato violino e per metà chitarra (e metà non intendo metà concerto ma metà di molte canzoni), e ne esce una valanga di suono.

Una valanga molto rock e a tratti molto elettronica, quasi adatta da discoteca (quella buona).

'Sta valanga tuttavia non toglie personalità al frangiso, che ci mette del suo e rende inconfondibile il suo suono... molte volte durante la serata ho pensato che forse abbiamo finalmente una speranza per sopravvivere degnamente ai noir desir!!

Come brano finale il prode yann ha riarrangiato il tema di amelie tirando fuori dal cappello una versione che rende giustizia al nuovo sound e gli evita il linciaggio del 90% dei presenti al concerto (me escluso):


Scene dal concerto vedono quelli dietro di noi a dx che, appena rimessi insieme, n'antro po' si rilasciano perchè lei non ha aspettato lui fra il primo e il secondo controllo ("mettiamoci na pietra sopra e da oggi liberi"), quelli davanti che prendono due sedie e so contenti, solo che so venuti in 5 al concerto e allora stanno tutto il concerto a fa casino, fra chi si alza e chi trova altre sedie e le porta, quello che con l'iphone avvia shazam proprio nel brano che yann annuncia come nuovo pezzo... nuovo!!! niù!! Non dico sapere l'inglese, ma quando un francese parla inglese è un evento così raro che merita di essere capito!!

...vabè, cmq applausi pe yann, per chi è entrato ierisera e pure per chi è rimasto fori!

domenica 10 luglio 2011

il primo teremoto a casa nuova... me lo evitavo volentieri

Dopo una consultazione via msn (courtesy of evilrouge and sylvie and bro), la mia considerazione che era strano sentire un terremoto a roma nord e non a roma sud è stata confutata...

e la botta che avevo sentito (prima il rumore fuori, poi sulla poltrona), si è rivelata effettivamente un terremoto...

i dettagli dovrebbero essere qui:
http://cnt.rm.ingv.it/data_id/2218386930/event.php

ma il sito ingv è evidentemente sovraccarico (primo indizio che mi ha fatto pensare che il terremoto ci fosse veramente stato...)...

beh, speriamo non ci siano danni!!


View Larger Map

"architetto"? "professore"? CRANIOLESO!

http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/06/11/news/ecco_la_nuova_stazione_tiburtina_un_drago_per_300_mila_passeggeri-17537652/

No perchè quando leggi che (due punti aperte le virgolette)
spiega [...] l'architetto, il "professore", arrivato con una giacca bianca e una cravatta arancione, [...] "Vedete, lì è stata davvero difficile. [...] Dopo le misurazioni ci siamo accorti che le facciate della stazione davano non a sud e a nord, ma a sud est e a nord ovest per la precisione. Ci aveva ingannato la bussola magnetica fatta impazzire dal ferro dei binari di sotto. E così se non graduavamo la luce dentro la piastra che attraversa i binari, la grande piazza, si sarebbero raggiunti i 42 gradi. E addio funzionamento bioclimatico".

...mo non dico che il "professore" magari una mappa di roma poteva anche consultarla, ma alle brutte, n'occhiata al sole niente niente non se poteva dà???

non so perchè ma se queste so le grandi menti a lavoro pe progettà la stazione tiburtina ho qualche timore...

venerdì 8 luglio 2011

shuttle? ma non parte tanto...

http://www.nasa.gov/externalflash/135_splash/index.html

l'ultimo shuttle! Ma partirà? ...il maltempo forse dirà di no...

ecco il countdown che usano allaNASA, ogni tanto si fermerà e arriverà a zero verso le 17.30 italiane

martedì 5 luglio 2011

verde acqua!

06blog mette in diretta una foto che riporta il colore che tanto mi ha stupito stamattina, un cielo verde acqua speciale:


posso confermarvi che il colore anche a viale reggina era veramente quello lì!!!

...poi s'è scurito e in 50 metri mi son fracicato completamente, non c'era ombrello che tenga...
mo m'asciugo!

venerdì 1 luglio 2011

google plus

siccome oggi è il giorno che si gioca con google plus, vi faccio notare che in basso ai post c'è il pulsantello per fare +1...


...posto che il tutto mi sembra di dubbia utilità, intanto ce lo abbiamo!

se poi mi spiegate perchè quanto ti richiedono se sei maschio o femmina la domanda è "sesso" (e io vorrei rispondere "sì grazie"), e non genere (come in inglese è gender e non sex), vi ringrazio... anzi no non fa niente che ho messo in inglese l'interfaccia!

first day ...

... of the renewed agreement