lunedì 25 luglio 2011

Pax vobis armadius magnum

...questa è la storia... di uno di noi... anche lui nato per caso ad Älmhult...

In principio era così....
minimalista dire!

Poi per un bel po' di mesi il battiscopa è stato popolato di scatoloni... finchè nelle ultime due settimane si presentava così:
studio degli ingombri
E poi arriva venerdì. Lo sciopero dei mezzi non ferma le nostre velleità, e dopo una breve spesa saltiamo su cachemere e andiamo a porca di roma!

Vista la mia bassissima sopportazione del negozio Ikea, è un bene che partiamo già preparati e con la lista di cosa prendere, scaffali inclusi. Ci serve solo una breve incursione nel reparto maniglie, per sceglierle bene. Incursione che alla fine si rivela del tutto infruttuosa, visto che tutti i modelli che scegliamo so' esauriti!!

Breve passaggio anche nella zona bambini, dove eri, siccome non le abbasto, compra un'altra carota.

al centro, il mio alter-ego morbidoso

Poi le magiche avventure continuano al piano di sotto. Carichiamo le cose che compriamo (di cui una ve la mostro montata nel seguito) su due carrelli. Sarà che la giornata è stata lunga, sarà che il truciolato maledetto pesa quanto la morte, sarà che forse sti carrelli di Ikea se stanno a sbracà, ma spingere il carrello con su l'armadio fino alla cassa è stata veramente una impresa titanica. Facevano più attrito le ruote con il pavimento che le mie scarpe!

In un modo o nell'altro arriviamo alle casse, e, mentre eri mi aspetta in fila (fra il nervosismo degli astanti, visto che non si capisce come mai è lentissima), faccio una incursione al banco spedizioni espresse (stavolta non replichiamo il viaggio della speranza).

Arrivo e c'è il display che segna il 35, prendo il numeretto ed è 44. Mah, vediamo, se quando arriviamo il 44 è già passato, vuol dire che sono veloci, pace. Se non è ancora arrivato... fila risparmiata!

Ma la fila alla cassa è luuuuuuuuuuuuuunga, più che altro lenta... Staremo in fila forse 20 minuti, alla fine paghiamo e strascichiamo i carrelli fino al banco spedizioni.

E il display dice "39"... sto cavolo... me vado a lavà le mani (nere) che gli scaffali ikea non sono il massimo della pulizia.

Il tempo di tornare, che vedo che eri spinge (nonostante il display dica ancora "39") il carrello... che lo tieni a fa il display se non lo aggiorni!! Insomma, sono già al 44...

Consegnamo i mobili (evivaaa), che il giorno dopo fra le 8 e l'una ci porteranno...

E infatti alle 10 "squilla" il citofono, e ci portano su il tutto.

Ecco il corridoio incriminato so far:

E si comincia, sono due strutture armadio identiche, che montiamo.

Fase avanzata del montaggio della seconda...
è fotogenico il mio ginocchio?
Ed ecco le strutture in piedi e al loro posto.
il tutto in videociat
Riempiamo le strutture con le scarpiere e i bastoni.

E ci montiamo le ante.

ta dàaaaaan

...è da notare che rigorosamente NULLA delle scatole che nella seconda immagine facevano l'ingombro è finita nell'armadio!

6 commenti:

  1. Un armadio che si chiama "Pax" comunque mi fa venire brutti ricordi...

    RispondiElimina
  2. Dai, lo studio degli ingombri è geniale!
    Che tenevamo affà gli scatoloni lì per terra se non per capire quanto spazio avrebbe occupato l'armadio?
    Certo, il fatto che pendessero un po' mi ha fatto vacillare sulla mia scelta... Ma domenica ho constatato di non aver fatto una cavolata.
    E i cappotti-giacche-giubbini stanno tutti lì!

    Dai, la carotina è cariiina!


    @ pabell
    Rick, devi affrontare e superare la tua vita da liceale... Sei un uomo sposato ormai!
    :P

    RispondiElimina
  3. ...anche noi ne abbiamo uno identico in corridoio. E' un pò come l'armadio di narnia, ci entra un mondo dentro! La differenza tra il vostro ed il nostro è il colore, ovviamente non potevamo che scegliere lo stesso armadio versione BIANCA!

    RispondiElimina
  4. per ammortizzare un po' il bianco ospedale del corridoio e perchè è dello stesso colore delle porte e della finestra che gli stanno intorno...

    la prossima puntata sarà su un qualcosa di chiaro!

    RispondiElimina