martedì 30 agosto 2011

Grotte di stiffe

L'idea per visitare le grotte di stiffe m'è venuta a inizio luglio, ispirato da un articolo su viaggi di repubblica online.

Guardando le grotte che mi mancavano, ho visto quelle di stiffe, vicino l'aquila, non erano distanti dalla mondagna.

E quindi... ho cominciato a tartassare eri per farmici portare (che poi guido io quindi sai che sforzo ^_^).


Incredibile ma vero, venerdì scorso ci si è andati!

Siamo calati dalla calda montagna della settimana scorsa nell'infuocata (e trafficata) piana dell'aquila, per poi risalire nei luoghi del terremoto (onna, etc), fino ad arrivare alle grotte.

Che tra l'altro sono state riaperte solo di recente, a fine giugno, dopo la chiusura conseguente al teremoto.

Parcheggiamo la macchina nel parcheggio delle grotte, in un "livigno village" che è formato da 2 costruzioni in legno molto sudtirolesi dove facciamo i biglietti.

Un pulmone parte ogni mezzora, percorre i tre tornanti in salita e ci deposita a poche decine di metri dall'entrata delle grotte.

Ecco la passerella che funge da ingresso.

All'interno la temperatura è di 10°C sia d'estate che d'inverno, e infatti siamo muniti di gins e felpe... io la mia la porto giusto pe falle prendere aria, visto che poi i 10°C interni sono proprio la mia temperatura d'esercizio...

La visita dura circa 50 minuti (noi siamo stati dentro un'ora e dieci ^_^), e segue il fiumiciattolo che scorre all'interno (5°C d'inverno, 8°C d'estate). L'acqua scorre rumorosamente nella grotta, e le stallattiti/gmiti si stanno ancora formando.

Dopo una prima sosta, arriviamo in una grande sala dove l'acqua non scorre, la sala del silenzio.... che ci sta dentro?...niente di che, ma è suggestivo il solo rumore delle gocce che cadono dall'alto.

In questa come nelle altre stanze all'interno delle grotte, in alto, si può vedere chiaramente che il soffitto è diviso sostanzialmente a metà da una faglia che percorre tutta la lunghezza della caverna (e che probabilmente ne è all'origine).

La seconda sala è molto più spettacolare, alta, con due cascate di qualche metro e una grande pozza in basso...
vedete un alto a destra quella terrazzetta?(vd prox foto)
ecco, questa è una foto da lì

alla sinistra delle cascatelle c'era questo accrescimento molto annerito
il percorso guidato poi si svolge sempre seguendo il corso del fiume.

pare che nell'acqua ci siano piccoli gamberetti ciechi

riflessi a go-go



e che è na torta!

in questa foto potete vedere una colonna (stalattite unita alla stalagmite), e soprattutto, alla sua sinistra e che percorre il soffitto, la faglia che taglia la caverna.

spluc
Al termine del percorso c'è una cascata di svariati metri, in una stanza molto alta e stretta. Le foto qui rendono pochissimo, perchè è molto buia, ma ci ho provato comunque...

Arrivati al termine, si torna indietro per la stessa strada.


stalattite a drappo

pare di uscire di galera!

Non potevo perdere l'occasione per spararmi un paio di macro:
paesaggio lunare
questo sembra un qualche mostro butterato di berserk

Nessun commento:

Posta un commento