lunedì 2 aprile 2012

di cognomi e cassette della posta

La settimana scorsa io e gG rientriamo dalla spesa.
Uno sguardo fugace alla cassetta della posta svela la presenza di due buste.
Una indirizzata a gG. L'altra, desumiamo, a me. Perché presumiamo?

Gent. Fam. De Ciantis
via xxxx
001xx Roma

Una normale busta da lettere. Al tatto si capisce pure che contiene qualcos'altro, oltre a carta.
Già in ascensore scopriamo essere una penna. Della Tecnocasa.

Annesso un biglietto con il seguente messaggio:

Perché Le scriviamo e Le mandiamo questo omaggio? [Bella domanda, me lo chiedo pure io... Cmq, quale omaggio? ah, si, vero: la penna...]
Siamo presenti nel quartiere da 1993 [azz però!] ed in questo lungo periodo siamo cresciuti insieme [ah, ecco... ora ricordo! Eri seduto dietro di me alla 3a media giusto? Me sembravi una faccia conosciuta... però non me te ricordo al liceo, tantomento all'università... sarò poco fisionomista?], aiutando tante famiglie a realizzare il sogno di trovare la casa giusta.
Grazie alla fiducia accordataci ed alle competenze acquisite in questi anni, abbiamo perfezionato dei servizi altamente qualitativi da mettere a Sua disposizione. [e di che servizi di qualità altamente eccelsa si avvaloreranno mai? Mah... Cmq, anche il puntino era in grassetto]
Con questo dono simbolico [che dono? ah, giusto: sempre la penna] vogliamo esprimere a tutti gli abitanti del quartiere la nostra gratitudine, augurandoLe una serena Pasqua.

con uno scarabocchio che presumo fosse una firma...


A parte che, vabbé, avete consegnato a mano (manca il francobollo), il che significa che il servizio altamante qualitativo di uno dei vostri dipendenti era caratterizzato da tanta pazienza e resistenza fisica, viste quante scale e appartamenti ci sono a questo civico...
A parte che un ringraziamento così accorato comprensivo di dono l'avrei mandato a quelle famiglie che si sono avvalse veramente dei vostri servigi e che vi han riconosciuto quella fiducia di cui sopra, e non all'intero quartiere. Anche perché NON TUTTI si saranno rivolti a voi...
A parte che per indirizzare codesto dono ad ogni famiglia del quartiere, uno dei vostri dipendenti s'è passato tutti i citofoni e/o cassette della posta...
A parte che me pare solo pubblicità e basta, mascherata di altro...


A parte tutto, ma si può sapere chi cavolo è la Famiglia De Ciantis?

1 commento:

  1. Non potevano mandarlo ai clienti già avuti: quante volte nella vita compra casa una persona normale????Rassegnati signora De Ciantis.... poraccio, ma si sarà dovuto fare il giro anche per scrivere i cognomi?

    RispondiElimina