sabato 19 maggio 2012

box doccia 3, this is the end

Aperti i lavori, preparato il campo, passiamo alla ciccia, ovvero il montaggio del soggetto!

Tre buchi per parete, tre stop per parete, e monto i due stipiti della porta.

Inizio con il dettaglio del punto più dolente: sulla parete sinistra, l'ultimo tratto di profilato è molto distante dalle mattonelle. Questo perchè l'ultima che abbiamo messo era un bel po' inclinata (non avendo messo le tonnellate di inutile intonaco ereditate dai muratori), e allora mi sono ingegnato nel seguente modo: ho sagomato e ci monto una cornicetta con le bacchette che andrebbero negli angoli al posto delle mattonelle jolly (nella foto manca il pezzetto di sopra e il fissaggio complessivo del tutto, che faccio la prox settimana).

Altro dettaglio, del lato opposto: vite di fissaggio a parete  (sopra) e cilindretto filettato che serve per fissare e regolare la distanza dal muro della porta, per adattarla sia alla stortenza della parete, sia alla larghezza dell'apertura.

Un sistema veramente semplice da regolare, per fortuna.
no, non abbiamo messo una cicca nel muro...

E dunque, messe le guide, porto, CON ESTREMA CAUTELA, il primo e più pesante pezzo di vetro. Dopo un po' di pizze per far entrare lo stipite nel profilato fissato al muro, avvito le tre viti in corrispondenza dei tre cilindretti bianchi della foto precedente, e il gioco è fatto.

A questo punto it's guaina-time! Quella lungo lo stipite verticale l'abbiamo messa con la porta a terra, quella in fondo forse era meglio metterla anch'essa a terra, ma non ci avevamo pensato.

Ecco eri intenta nel tagliaggio della guaina eccedente la lunghezza (notare che c'entra tutta nella diagonale del piatto doccia).

Ed ecco i dettaglio della maniglia interna della porta!

Siamo rimasti un po' sorpresi dal fatto che se uno chiude completamente le due ante della porta, una sull'altra, non c'è alcun modo di attutire o smorzare la botta che la maniglia darebbe sull'altra lastra di vetro. Abbiamo immediatamente ovviato mettendoci un gommino trasparente adesivo, che tra l'altro ci sta pure bene! È persino sopravvissuta al test Vince... promossa!

In più la doccia la iperaccessoriamo, ecco l'appoggino tattiko di ikea, in montaggio:

e al suo posto, con anche la porta montata (e aperta), e spugnetta annessa.

Unico infortunio di questa storia è il sostegno della cornetta della doccia, che per comodità andava invertito. Lo smonto, faccio per rimontarlo, e... SPACK, si sbraca il sostegno di plastica che regge tutto.

Ci siamo andati di superattak, ma non ha retto.

Sono allora tornato alla carica con superattak e rinforzo con una puntina anch'essa incollata, e fin'ora ha retto. Ma questa operazione a cuore aperto è recente, e quindi nella foto qui sopra, che è anche l'ultima della animazione qui sotto, la cornetta è tristemente adagiata per terra...

...per finire... la doccia ce la si fa na favola!!!!

Nessun commento:

Posta un commento