venerdì 10 agosto 2012

'Na Ballata a Magliana

Oggi è l'ultimo giorno di lavoro, prima di due settimane di agognate vacanze!
Ci si riscrive, quindi, a fine mese. E nel frattempo, vi lascio in compagnia di buona musica.


'Na Ballata a Magliana


Er rumore de li piatti che se sciaqueno, i portoni che sbattono, i cani che dentro le case abbaiano, le chiavi che dalle saccocce escono e le fronde dell'arberi che se scotono...
Tutti insieme stanno affà 'na musica tutta storta e a me me pare quasi de potecce cantà insieme quando che m'affaccio dal balcone de casa mia, a Magliana


"che demo fààà?"
"ansommaaa?"
"ooooh, ancooora!"
"daaajee"
(vociare indistinto)

Sti palazzi so' vallate de cemento addò pennono lenzoli che me pareno ballà
E in mezzo a 'sti palazzi ce sta un pino grosso e forte contr'er vento, 'na foresta ner giardino
Li panni appesi alle finestre so' de tutti li colori e vestono Arlecchino a carnevale
E piccole piantine sopra ogni davanzale stanno là pe nun sentì 'sta puzza de Città
(vociare indistinto)
Su li tetti le parabole e l'antenne fanno un campo a girasoli, tutto fero e plastica
Su 'sti muri c'hanno scritto er vero amore, in mezzo ar calcio e le bestemmie ce sta la politica
Ce stanno certe case co' e finestre sempre chiuse notte e giorno, dove er sole nun po' entrà
N'aeroplano esce dar profilo de 'n palazzo e chissà 'ndo va, ma noi restamo qua
...ah, ma penso e dico ahò

Portame co' te, portame co' te a Magliana
Che ar sesto piano poi trovamo se lo voi puro la luna
E tu non me sai dì de no perché
Sei troppo bona

La portinaia tutti i giorni butta 'na secchiata d'acqua e schiuma e poi se mette a chiacchierà
In gabbia c'è 'n pappagalletto verde che sa dì soltanto "aho" ma er padrone fiero ride
Li giovani bulletti che se tatuano, s'abbronzano e se tirano, fanno er paro co' quer vecchio
Che pe' sembrà più giovane se tinge e poi s'atteggia, ma 'nce pensi, quanto ridicolo te senti?
(vociare indistinto)
Se vedono le facce de i coatti sempre serie e mpo' 'ncazzate ma 'ncazzate poi de che?
Se sentono 'e minacce de 'na madre mentre strilla al regazzino, e so' bonarie ma sguaiate
Se mischieno li strilli dei neonati co' li strilli disperati co' li strilli dei tifosi,
Tante facce affacciate da uno stesso palazzone... ah, ma penso e dico ahò

Portame co' te, portame co' te a Magliana
Che ar sesto piano poi trovamo se lo voi puro la luna
E tu non me sai dì de no perché
Sei troppo bona

Portame co' te, portame co' te pe' stasera
Che solo 'nvojo sta perché stanotte è fredda e troppo scura
E nun me di de no perché
Sei troppo bona

Ce sta er vicino che felice canta a squarciagola le canzoni che je piaciono de più
"quanto sii bella Roma"
Me pare de sta' ar mare in mezzo a Roma co' i gabbiani che se 'nvolano e io resto a naso in su
Du' vecchietti dal portone escono e pe' mano poi se prendono e se 'ncamminano pe' annà
Sulla panchina che sta dietro 'n'angolo all'ombra de 'mbell'arbero... a vedé er monno girà
"aaah, senti che bel fresco" (vociare indistinto) "buonasera, nino!"
Ce stanno l'inquilini ar primo piano che guardando l'ultimo, vorrebbero sta là!
Pe' sentisse un poco più 'mportanti e finarmente vede 'sti tetti de città
"guarda amò"
E l'inquilini dell'ultimo piano, guardando quelli ar primo, vorrebbero sta là
"ahò, ma che te guardi?"
Pe' non sentisse così tanto soli e vede da vicino... er monno che sta affà
"ma che staffà, ahò... ma vedi d'annà"

Ma la bellezza poi trovalla se lo voi pure a Magliana
Lo schifo e la pietà te fa dimenticà che c'è la luna
"che c'hai du' scudi de luna?"
Nun te fa 'ngannà, non è così lontana


"e vabbé, io me ne vado, va"
"vengo co' te"
"ciao" "ciao ciao"
Ma facce caso che nelle pozzanghere de Magliana
L'ho visto e te lo giuro, l'ho visto pe' davero
L'arcobaleno!
"a fracicoooniiii"
(vociare indistinto)
"ma li mortacci sua"


Testo di Giorgio Tebaldi (preso da qui, ho aggiunto le parti in grigio)


Ps:
- qui potete ascoltare tutte le tracce dell'ultimo cd (alcune le avevamo già postate)
- questo il loro canale youtube
- la loro pagina facebook

Nessun commento:

Posta un commento