martedì 7 agosto 2012

o'che facciabianca

Le oche facciabianca nidificano alle svalbard.

lo so, son notizie che uno dovrebbe un attimo introdurre, dette così tutto d'un tratto son palpitazioni a duemila e mi son perso metà dei lettori in cardiologia.

però così è andata.

e non era così banale eh, pensa un po' te che nel medioevo, siccome ste oche non le vedevano mai riprodursi, pensavano nascessero dagli alberi!!!

diobon il moige ci stava anche nel medioevo?!?!?
E invece guarda un po', a un certo punto siamo arrivati alle svalbard e abbiamo trovato 24K oche che ridevano a crepapelle e ci prendevano per il culo per la panzana che s'eravamo inventati...

A quel punto, un olandese rancoroso ha detto, sai che c'è? e allora vi catalogo. E quindi tira una rete fra due case, con una rientranza, le attira colà e poi le battezza e le misura.

Pare che così facendo abbia praticamente il completo albero genealogico delle oche che nidificano qui...

Insomma, tutta sta manfrina per farvi vedere due foto:
oche accanto alla base qualche giorno fa
La cosa interessante (oltre a quelle che vi ho detto prima, perle ai porci lo so), è che finchè i pulcioni (che son grossi) non hanno le penne giuste e non possono volare, neanche gli adulti volan via. Quindi la gabbietta è solo un recinto senza rete a chiudere la parte alta.

Chiaramente perchè questo avvenga bisogna beccarle in questo periodo. Guardate già questi pulcioni, fotografati ieri mentre ero seduto qua al pc nella mia stanza, come stanno cambiando le penne.


Siamo cioè immersi, nella notte artica, fra nugoli di oche che passano starnazzando (ma neanche troppo per fortuna!!)

Nessun commento:

Posta un commento