lunedì 6 gennaio 2014

Brutta Befana


Che devo dire, che devo fare, con 'sta racchia de mi moglie
quant'è brutta mamma mia non la posso più guarda',
quanno (= quando) s'azza (= alza) la mattina me ricorda carnevale
questo core è 'na rovina quella me lo fa ammalar!

Brutta Befana vedi che nun sei bona
fatti un bel fagottello che nun me servi più!
Brutta Befana esci de casa mia
sennò la malattia tu me la fai pigliar!

Quanti mariti, quanti cornuti, dalle mogli abbandonati,
quelli sono fortunati la mi moglie non lo fa!
lei nun me lascia, lei nun me molla con 'sto merlo fa la pacchia ;
magna e beve 'sta cornacchia mentre io' vado a sgobbar!

Brutta Befana vedi che nun sei bona
fatti un bel fagottello che nun me servi più!
Brutta Befana esci de casa mia
sennò la malattia tu me la fai pigliar!

Quann'ar mattino appena che s'azza, già se fa 'na pagnottella,
cor salame e mortadella poi se magna er baccalà,
dopo mezz'ora lei ci riprova e se fa 'no spuntarello
e dopo aver magnato quello, ricomincia a rimagna'!

Brutta magnona esci de casa mia,
ce vo' 'na trattoria pe' te pote' sfama'!
Brutta sbafona, sbafa alle spalle mie,
Io faccio economia e tu ven qui a magna'!

Me so' ridotto come uno straccio, ma ho deciso io la caccio,
Sono proprio un gran boiaccia se io un giorno non lo fo'.
Glie do l'alimenti , la buon'uscita tutto quello che glie pare,
Glie do pure referenze pe' qualcuno che la vo' !

Brutta Befana vedi che nun sei bona
fatti un bel fagottello che nun me servi più!
Brutta Befana esci de casa mia
sennò la malattia tu me la fai pigliar!

1 commento:

  1. Una bella tarantella che mi fa ricordare le serate in piazza al paesello... ;)

    RispondiElimina