lunedì 16 marzo 2015

Archive @ Orion Club

Dopo tanto ascoltarli, a casa, a lavoro, comprato cofanetto, non mi potevo certo perdere la venuta degli Archive a "Roma" (Ciampino-ma-vabbè-facciamo-finta), e quindi venerdì, dopo tutta la giornata, mi sono accattato chi dopo tanto ascoltarli (da me) a lavoro e abbiamo varcato il confine fra Roma e Ciampino, destinazione Orion Club.

Parcheggiamo fuori a pochissima distanza, entriamo chiedendoci chi sia il gruppo spalla (io dubitante un po' della sua esistenza) e nell'entrare nel locale sentiamo una persona dello staff dire una cosa tipo "oh ma il filmato che dicevano che doveva partì alle 22, dove sta?".

Giusto il tempo di renderci conto della disposizione delle cose (leggasi presa na bira), e parte il filmato. L'Orion è un locale un po' anni '80, con al centro un palco non troppo grande e con un parterre circolare giusto un paio di volte più grande. Intorno, gradini/ate circolari piene di persone sedute, che una volta iniziato il concerto si alzeranno.

Verso le 22.30, parte il filmato promesso, che poi altro non è se non Axiom:



Qui  il mio animo da ascoltatore di musica live ha un po' vacillato, per carità vale la pena vedersi il film musicale con un impianto da concerto, ma... avrei forse preferito sentirlo suonato... vai a un concerto e ti fanno vedere un film? Nei minuti dopo la proiezione avevo una cauta preoccupazione...

dai che comincia
Intanto la setlist, con appunto axiom all'inizio:
Archive Setlist Orion Live Club, Rome, Italy 2015, Restriction Tour

Il concerto parte subito alla grande, con Feel It:


...è tutto il weekend che canto/grido ad A.: Philae, che tanto suona identico a feel it... lui ride...

Noi, forti della nostra posizione alla fine delle persone sul parterre ma a non più di 10 metri dal palco, con una acustica veramente splendida, ci godiamo la potenza che riescono a tirare fuori - non me ne aspettavo tanta!

Philae!
Qualità sonora e potenza rendono ragione del fatto che sul palco sono, quando sono tutti, in 8... per lo più due tastiere, due chitarre, basso e batteria e due voci. Ma l'assetto variabile fa si che si passi agilmente anche a configurazioni tipo 3 chitarre, 2 bassi e 3 voci... na camboggia!!


Gli astanti sono della più varia composizione, si va dagli over-60 vestiti tipo Filini dei bei tempi (con il fisico di Steve Urkel), a rimastini vari, a gente normale (la maggioranza chiaramente) per finire con due nazzoni palestrati veraci che hanno fatto uno spettacolo a parte - a tratti anche gradevole.

Partono con la lodevole intenzione di volermi pogare addosso - unici in tutto il locale - e quando non partecipo con la gioia che loro ritenevano opportuna, pensando mi stessi offendendo quando invece stavo per lo più valutando il fatto che il mio petto corrisponde in peso al quadricipite di quello piccolo, me s'abbracciano in due... livello alcolico d'antica fattura, n'evvero.

Scodinzolanti, proseguono a importunare quello avanti a me, che reagisce un po' più stizzito (principiante). Lo stuzzicano un po', mimano di partirgli un paio di volte, poi si calmano. Poi ci manca poco quello grosso si carichi uno che, per quanto ho visto, non gli si era manco avvicinato nella ora precedente. Classico.

Poi, con quello spirito da curvaroli che gli affibbio da bravo psicologo della domenica, cominciano, in particolare nei momenti più rarefatti del concerto, ad applaudire, incitare, e quando in una pausa intimistica cominciano con l'urlare
"BBBBRAAAVAAAA" l'uno,
"OOOOOooOOooooh" l'altro,
"nnno ddevi dì bBbbBBRAAVAAAA" di nuovo il primo,
e quindi l'ultimo "BBBBBBBBBRAAAVAAAA"
alla cantantessa le esce addirittura un sorriso (tipo l'unico di tutto il concerto).

Si sposteranno poi in prima fila, facendo schiamazzi tutto il concerto e meritandosi la stretta di mano di uno dei cantanti alla fine.

Seguono come sempre brani tratti da anime pie che li hanno messi su youtube, sempre sia(no) lodati.








Iperdegno di nota il bis, occupato in pieno dalla sola Lights..

La cauta preoccupazione con la quale avevo iniziato il concerto si è presto dileguata, grande concerto in una location che ti permette di godertelo stando in mezzo alla musica senza nessuno sforzo... fantastico!

Nessun commento:

Posta un commento